Calabria7

Cosenza, iniziano lavori di rifacimento argine del fiume Crati

fiume crati

Rosa Silvana Abate, senatrice del M5S, rilascia importanti dichiarazioni in merito ai lavori, da poco iniziati, di rifacimento dell’argine del fiume Crati

“La Soprintendenza ha dato l’ok così sono potuti partire i lavori previsti a Thurio dal bando e con i fondi europei, nessun intervento in somma urgenza e nessuna spesa per le casse comunali. Premiato l’impegno di questi mesi ma vigilerò fino a quando non sarà completato il rifacimento dell’argine del fiume Crati.” Commenta così la senatrice Rosa Silvana Abate (M5S Senato) la notizia in merito alla partenza dei lavori per il rifacimento dell’argine del Crati in località Thurio e Ministalla.

“C’è voluto – continua Abate – oltre un anno di lavoro e pressioni istituzionali (positive) per far sì che finalmente si arrivasse a questo risultato. Nei giorni scorsi  s’era tenuto un incontro in Prefettura a Cosenza per fare il punto sulla situazione di questo intervento ed era emerso come la Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le province di Cosenza, Catanzaro e Crotone (SABAP-CS) abbia chiesto di dare il placet sulla figura individuata dalla Regione e che si occuperà della sorveglianza idraulica oltre al fatto di ricevere la comunicazione di inizio lavori con un congruo anticipo (un mese circa) per permettere, evidentemente, ai funzionari della Sabap-Cs di fare gli opportuni controlli. Ma non era chiaro perché l’“ok” al curriculum non arrivasse e cosa volesse dire “congruo anticipo” nella comunicazione di inizio lavori.

Sabato avevo presentato un esposto in Procura, martedì ho scritto alla Soprintendenza. Due ennesimi passaggi istituzionali che sono serviti ad accelerare la risoluzione del problema così non c’è stato bisogno di nessun altro intervento in somma urgenza. Men che meno con soldi delle casse del Comune. I lavori in corso erano quelli previsti dal bando europeo pubblicato dalla Regione ad agosto che mette a disposizioni dei fondi europeo. Un altro risultato, figlio di una importante sinergia istituzionale. che mettiamo in cascina ma non mi fermo qui. Ora vigilerò affinché i lavori terminino al più presto e speriamo che il tempo sia clemente altrimenti la ditta non potrà lavorate tutti i giorni nell’alveo del fiume se il livello dell’acqua sarà troppo alto.

Ma bisogna guardare oltre: A inizio anno avevo incontrato il Commissario Straordinario per la mitigazione del rischio idrogeologico nella Regione Calabria, l’ingegnere Carmelo Gallo. Dal confronto era emerso che su tutta l’area dell’asta fluviale del Crati compresa tra la Sibaritide e Corigliano Rossano è previsto anche un altro intervento che dovrebbe andare in appalto in queste settimane per la somma di 7 milioni e 800 mila euro di cui è responsabile lo stesso Soggetto Attuatore e che riguarda il rifacimento degli argini nel tratto che va dal vecchio tracciato della Statale 106 (Ponte di Apollinara) fino alla zona poco antecedente a quella di Thurio dove si è registrata l’esondazione di novembre. Bisogna lavorare – conclude Abate – per mettere in sicurezza tutte le zone deboli degli argini del Crati per evitare che nuove catastrofi avvengano.”

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Taglio bosco a Paola, Parentela (M5S): “Vicino a manifestanti Cozzo Cervello”

Matteo Brancati

Concluso Campo Sperimentale dell’IRIFOR di Catanzaro e Cosenza (VIDEO)

Mirko

Marijuana nei pantaloni, arrestato 38enne

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content