Calabria7

Cosenza, la Compagnia Ragli al “More – Focus Residenze”

Continuano gli appuntamenti More – Focus Residenze, la rassegna inedita dedicata agli spettacoli prodotti grazie a Europe Connection che per la prima volta approdano nella città di Cosenza.

A firmare il secondo venerdì More dedicato alle residenze artistiche sarà la Compagnia Ragli, in scena il 22 novembre alle 20.30 sul palco del Teatro Italia “A. Tieri”, con lo spettacolo The speaking machine scritto dalla drammaturga catalana Victoria Szpunberg e diretto da Rosario Mastrota.

Dalila Cozzolino, Antonio Monsellato e Maurizio Aloisio Rippa prestano corpo e voce ad una storia ambientata in un futuro incerto quanto possibile: sono “giorni in cui non sembreremo umani, ma ancora sapremo come essere tristi” come recita il sottotitolo dello spettacolo. Una scelta registica, quella di Mastrota, che evidenzia come la solitudine sia un effetto inconsapevole degli automatismi della nostra epoca.

Il Focus Residenze di progetto More – ideato da Scena Verticale in partenariato con il MiBACT, la Regione Calabria e il Comune di Cosenza – è una programmazione nata dalla volontà di presentare al pubblico cosentino le produzioni internazionali nate dal partenariato tra la compagnia di Castrovillari e Fabulamundi – Playwriting Europe.

Lo spettacolo

Siamo in un futuro incerto: giorni in cui non sembreremo umani, ma ancora sapremo come essere tristi. Una donna lavora come macchina parlante, un cane umano dà piacere e un padrone di casa attende una promozione. È un triangolo con più di tre punti. È la storia di una relazione basata sul potere, la dipendenza e, perché no, l’amore. Una storia crudele e romantica dove macchine ed emozioni si fondono in una spirale di eventi alle frontiere dell’esistenza.

Ognuno di noi ha un modo proprio di rappresentare la solitudine, di viverla e di immaginarla. Esiste dunque una solitudine diversa per ciascuno. Protesi nel ricercare all’esterno i significati delle cose, non ci si rende più conto di quanto ci si allontani da sé. Non ci si sente più realmente da soli eppure, specchiandosi realmente, ognuno si vedrebbe diviso.

Comportamenti ed oggetti uguali per tutti illudono di poter raggiungere l’individualismo ma in realtà inceppano la libertà, alimentano la fuga, la ricerca del nascondiglio e circondano l’autonomia. Si resta sempre da soli.  The Speaking Machine combina un mondo grottesco e poetico con una routine quotidiana molto specifica. Esiste la felicità nella solitudine?

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Universiadi, il calabrese Francesco Porco è bronzo (VIDEO)

manfredi

Insegnante calabrese mandata in Toscana, accolto ricorso

manfredi

Procura di Roma chiede processo per Mario Occhiuto

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content