Calabria7

Cosenza, picchia moglie e suocera: scatta l’allontanamento da casa per un 29enne

paola scalea

Nel pomeriggio di oggi, 28 maggio c.a., personale della Polizia di Stato ha dato esecuzione all’ordinanza di applicazione della misura dell’allontanamento dalla casa familiare e contestuale divieto di avvicinamento alla vittima, emessa dal GIP presso il Tribunale di Cosenza, a seguito di richiesta della locale Procura della Repubblica, diretta dal Procuratore dott. Mario Spagnuolo, nei confronti di un ventinovenne, pregiudicato, poiché ritenuto responsabile del reato di maltrattamenti in famiglia.

In particolare, in base alle indagini condotte dalle donne e dagli uomini dalla 3^ Sezione Reati contro la persona, reati sessuali e reati in pregiudizio di minori della Squadra Mobile, l’uomo, anche a causa della sua condizione di tossicodipendenza, poneva in essere reiterate condotte di vessazione fisica e psicologica verso la moglie e la suocera, consistenti nel minacciare ed aggredire le due donne, anche in presenza dei figli minori, uno dei quali con pochi giorni di vita.  Più specificamente, è stato ricostruito come la donna, durante il matrimonio, avesse patito dal coniuge una lunga serie di maltrattamenti e di violenze, con lesioni per le aggressioni subite. L’indagato, ubriacandosi quotidianamente, la picchiava e ingiuriava e rivolgendole anche minacce di morte, addirittura mentre la donna era incinta. La suocera, al fine di dare ausilio alla figlia, veniva anch’ella minacciata ed aggredita dal genero. A seguito della ricostruzione dei fatti, l’A.G. inquirente ha richiesto l’applicazione della misura cautelare dell’allontanamento dell’indagato dalla casa familiare e del divieto di avvicinamento alla parte offesa, a cui oggi è stata data esecuzione.
Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Calciomercato, il Cosenza sferra il primo colpo: ufficiale l’arrivo di Tremolada

Antonio Battaglia

Scontro tra vetture sulla statale 106, nel Catanzarese: 3 feriti trasportati in ospedale

bruno mirante

Sedicenne uccisa, Scutellà (M5S): “Permessi premio all’omicida, è una vergogna”

Andrea Marino
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content