Calabria7

Cosenza, tentata aggressione al Pronto Soccorso: la ricostruzione del SUL

SUL-segretario Libri

(NDL) –  Il segretario regionale del Sindacato Unito Lavoratori sanità calabrese Aldo Libri ha reso noto i particolari dell’aggressione al pronto soccorso dell’ospedale Annunziata di Cosenza.

“Il fatto si è verificato mercoledì intorno alla mezzanotte – riferisce a Calabria7 – quando alcuni parenti di un paziente si sono rivolti in modo minaccioso ed aggressivo a due OSS, un uomo ed una donna.

Per fortuna la cosa non è degenerata ma anche questa volta il rischio per gli operatori sanitari è stato molto alto.

Il sindacalista reggino stigmatizza le condizioni in cui versa il Pronto Soccorso del principale ospedale cosentino.

Oltre alla carenza endemica di personale, ridotto della metà, a Cosenza c’è un perenne bivacco di parenti in stretta promiscuità con la zona dei pazienti.

Occorre subito separare la zona triage dalla zona visita; realizzare ambienti chiusi nei quali possano entrare esclusivamente gli addetti ai lavori ed i pazienti, installando porte ad apertura interna con il maniglione antipanico o per mezzo delle chiavi o di badge in possesso del personale.

Senza tralasciare un sistema di vigilanza idoneo. Tutte condizioni che il SUL ha formalmente richiesto alla Dirigenza dell’Annunziata senza riceverne ancora risposta.

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Attraversa la strada e viene investito da un’auto, anziano in ospedale

Matteo Brancati

Coronavirus, donna positiva nel Cosentino. Avviata la ricostruzione dei contatti

bruno mirante

Coronavirus, tre nuovi positivi accertati all’ospedale Pugliese

Maurizio Santoro
Click to Hide Advanced Floating Content