“Costa Pulita”: giudice non deposita motivazioni, liberi 5 condannati

"Dopo una lunga ed estenuante trattativa i detenuti hanno ottenuto la possibilità di restare con i cancelli delle proprie celle aperti per tutta la notte"

Lasciano il carcere per decorrenza del termine massimo di fase, in assenza della celebrazione, conseguente pronuncia, del giudizio d’appello, quattro imputati di primo piano del processo nato dall’inchiesta “Costa Pulita”, una delle più importanti operazioni antimafia di sempre contro i clan del Vibonese, scattata nell’aprile del 2016 ad opera della Dda di Catanzaro.

Ad oltre un anno e mezzo di distanza, il gup distrettuale di Catanzaro, Pietro Carè, non ha ancora depositato le motivazioni della sentenza di primo grado. Il verdetto risale al 31 luglio 2018, del processo celebrato con rito abbreviato nei confronti di 31 imputati, fra cui l’ex presidente della Provincia di Vibo e l’ex sindaco di Briatico. Lo stesso giudice, accogliendo ora le istanze dei difensori, ha revocato ora le misure cautelari in carcere, disponendone l’immediata liberazione, di Carmine Il Grande e Leonardo Melluso, condannati in primo grado quali capi degli omonimi clan della ‘ndrangheta di Parghelia e Briatico, e di altri due imputati condannati per associazione mafiosa, più un quinto che si trovava ai domiciliari. Il termine massimo di custodia cautelare in carcere per tutti gli altri imputati detenuti scadrà il 31 gennaio prossimo.

Ad oltre un anno e mezzo di distanza, il gup distrettuale di Catanzaro, Pietro Carè, non ha ancora depositato le motivazioni della sentenza di primo grado. Il verdetto risale al 31 luglio 2018, del processo celebrato con rito abbreviato nei confronti di 31 imputati, fra cui l’ex presidente della Provincia di Vibo e l’ex sindaco di Briatico. Lo stesso giudice, accogliendo ora le istanze dei difensori, ha revocato ora le misure cautelari in carcere, disponendone l’immediata liberazione, di Carmine Il Grande e Leonardo Melluso, condannati in primo grado quali capi degli omonimi clan della ‘ndrangheta di Parghelia e Briatico, e di altri due imputati condannati per associazione mafiosa, più un quinto che si trovava ai domiciliari. Il termine massimo di custodia cautelare in carcere per tutti gli altri imputati detenuti scadrà il 31 gennaio prossimo.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
"La mia Giunta continuerà a vigilare e a investire sul miglioramento del sistema depurativo dei nostri Comuni e sulla tutela del nostro patrimonio naturale"
"Il mio appello - ha detto il sindaco di Catanzaro - è rivolto a tutte le tifoserie calabresi: isolate i violenti e i facinorosi"
Il pugno di ferro usato dalla Procura di Catanzaro è suonato come un campanello d’allarme per coloro che gestiscono il ciclo depurativo calabrese
Tutte le bottiglie sono andate esaurite durante la presentazione a Cosenza, nella sede dell'Ais con la presidente nazionale Daniela Mastroberardino
Secondo l'accusa, avrebbe assicurato una rete di protezione e comunicazione tra i vertici del clan per il quale si sarebbe reso parte attiva nella realizzazione del programma criminoso
Il principe ha avanzato la proposta durante un colloquio col presidente del Consiglio regionale, precisando che si tenga "ferma la denominazione geografica"
Secondo quanto appreso, il decesso sarebbe avvenuto per emorragia cerebrale dovuta a una caduta. Non sono però del tutto chiare le circostanze
L'encomio al direttore del fast food preso d'assalto e la solidarietà alle forze dell'ordine. Chiesta anche chiarezza sul rispetto del numero di tifosi ospiti
Il negozio, gestito da un cittadino cinese, vendeva numerosi prodotti di bigiotteria e accessori per la telefonia destinati anche a minori
scirocco
Nel corso delle indagini sono stati sequestrati 4 depuratori. Il procuratore Capomolla: "Maxi ribassi, enormi risparmi, sversamenti illeciti di fanghi anche in mare"
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved