Calabria7

Costanzo: “Opposizione farà chiacchiere, ma maggioranza fa palazzine”

Comune Catanzaro

“L’opposizione farà anche chiacchiere…la maggioranza fa fatti…anzi palazzine!”.

Lo afferma il capogruppo al consiglio comunale di Fare per Catanzaro, Sergio Costanzo.

“Anche Attila, re degli Unni,  – scrive Costanzo in una nota – si fermò davanti al Papa e graziò Roma. Il nuovo Attila di Catanzaro, capo dei moderni Unni, invece non si ferma davanti a nessuno. Come il suo antenato, dove passa Abramo non cresce più l’erba. In questo caso, l’erba di Giovino che si trasformerà in cemento e oro per i costruttori nostrani. Il “sindaco – cementificatore” non si ferma nemmeno davanti alle valutazioni e alle perplessità della popolazione. Sappiamo per certo che la delibera della famigerata tripartizione di Giovino, è già pronta da molte settimane e che sarà portata, quanto prima, all’attenzione della Giunta, prima del passaggio in Consiglio comunale. Quindi, l’assise si troverà a tavola già bandita. La convocazione dei capigruppo per tentare una “condivisione” dell’operazione è stata una volgare trovata per tentare di tacitare l’opposizione.

Il nervosismo del sindaco Abramo – prosegue Costanzo – nella seduta del Consiglio comunale di mercoledì scorso, tradisce la sua fretta di chiudere al più presto la partita Giovino, prima che il nuovo PSC possa introdurre norme di salvaguardia che facciano naufragare questo insano e osceno suo disegno.

Noi ci chiediamo perché tutta questa fretta, visto che tra qualche mese verrà approvato il prezioso strumento urbanistico, cioè,il PSC ? Perchè tripartire il comparto di Giovino? Perchè non presentare alla cittadinanza un progetto unico di tutto il comparto o al limite come proposto dal sottoscritto dividerlo in due tra Giovino e Bellino, proponendo Bellino come area per strutture tipo Acquapark, Campeggio Internazionale, Strutture Sportive, Parchi Tematici, Acquari, Sala Convegni ect ect e Giovino come area ricettiva con Hotel, Alberghi, Pensioni, Ristoranti e Pizzerie? Perchè si sbandiera il ricorso vinto al TAR contro la lottizzazione Di Tocco per la mancanza di opere di urbanizzazione, mentre ora si vuole aprire alla cementificazione di Giovino nord dove, anche qui, mancano le opere di urbanizzazione?

Ci dispiace che consiglieri comunali che vivono a Lido, tranne Celia e Riccio, si siano resi disponibili a fare da scendiletto, da megafono per questa operazione che – se Abramo dovesse portare a compimento – resterebbe una macchia indelebile nella storia della città, al pari della sistemazione della comunità Rom in Viale Isonzo e di tanti altri “scempi” consumati da Abramo in questi venti anni di amministrazione

Abramo rivendica meriti inesistenti sulla salvaguardia del territorio. Tutt’altro. Sotto la sua gestione, è stata cementificata un’intera collina a viale De Filippis, deturpando per sempre l’ingresso della città con una indecorosa colata di cemento, visibile a tutti, soprattutto a lui.

Anche la delibera sul Piano Casa non è una sua vittoria, essendo stato egli costretto a votarla su pressione delle opposizione e sull’intervento repentino di sua Eccellenza il Prefetto.

Per non parlare della pratica del famoso Ostello che doveva nascere nel quartiere marinaro su cui il Sindaco in consiglio comunale non mi ha saputo rispondere o, sulla determina dirigenziale del settore urbanistico che di fatto ha modificato, illegalmente, la delibera di consiglio comunale sui limiti urbanistici del comparto Giovino. Determina dirigenziale sulla quale il Sindaco e i consiglieri di maggioranza del quartiere marinaro non si sono espressi.

Quanto al no alla lottizzazione di Tiriolello, anche i più ingenui e distratti sanno che si è trattato semplicemente di una vendetta politica, colpire chi lo aveva avversato alle elezioni.

Anche noi, caro sindaco, non ci fermiamo. Lo ripetiamo, – conclude Costanzo – la maxi sanatoria sulla zona Giovino nord non passerà. Siamo pronti alle barricate e siamo certi che saremo seguiti dalla cittadinanza, inorridita difronte a tanta spregiudicatezza e arroganza che sta mettendo in campo per una investitura alla presidenza della regione. Un disegno che sta portando avanti sulla pelle della città e dei cittadini. Si Fermi !!! per il bene dei nostri figli”.

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Catanzaro, a Potenza servirà gettare il cuore oltre l’ostacolo

Antonio Battaglia

Catanzaro, tutto pronto per “Transumanza. Medioevo e ruralità”

Matteo Brancati

Regione, gli 800 “fantasmi”: guai a licenziarli, ma si potrebbe provare a farli lavorare

Danilo Colacino
Click to Hide Advanced Floating Content