Calabria7

Covid-19, torna di moda Italiexit: in Calabria sarebbe danno per la gente o la ‘ndrangheta?

di Danilo Colacino – Obiettivo 1, 2 o 3, ci viene da scrivere, giocando un po’ con le parole, ma finora la Calabria di soldi dall’Europa ne ha presi, e anche tanti, quale regione depressa di un Paese a…diverse velocità della Comunità.

Peccato, però, che tranne per poche fortunate eccezioni, i frutti di tale ingente massa di argent non si siano visti. Quasi mai. Tanto relativamente agli investimenti pubblici quanto a quelli privati.

Anzi, spesso, sul copioso flusso dei ‘piccioli’ (detto alla siciliana), più che lungimiranti imprenditori o giovani operatori economici, si sono ‘buttati a pesce’ rapaci prestanome della criminalità organizzata.

Un affare d’oro, infatti, per i tantissimi   fiancheggiatori delle mafie che popolano purtroppo il territorio calabro il poter, attraverso società di comodo, attingere a un fiume di denaro che, lo ribadiamo, è spesso sfuggito – o non è comunque servito agli scopi precipui – perfino ai maggiori enti pubblici locali.

Ecco allora che le spinte interne ‘separatiste’ in direzione della cosiddetta Italiexit, tornata di gran moda dopo le ennesime spallucce fatte dall’Unione di fronte a un problema solo apparentemente tutto italiano peraltro come il dilagare del Covid-19, crescono a dismisura.

Un po’ dappertutto, compresa dunque la realtà da poco amministrata da Jole Santelli che tuttavia – come da noi raccontato in un altro articolo sul secondo rinvio del consiglio regionale – ha ben altri pensieri per la testa rispetto al paventarsi dell’uscita dell’Italia, e dunque anche della Calabria, dalla ‘controversa’ Ce. 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Tragedia di Paola, eseguiti gli esami sul mosto killer

Alessandro De Padova

Catanzaro, Abramo incontra Ordine Commercialisti per gestione Comuni

Mirko

Uccide fratello e ne ferisce un altro, arrestato 75enne

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content