Calabria7

Covid: 232 ispezioni nelle Rsa, Nas Catanzaro sequestra medicinali scaduti

mascherina reggio calabria

Nell’ultima settimana, d’intesa con il Ministero della Salute, i carabinieri del Nas hanno realizzato 232 ispezioni presso strutture sanitarie e socio-assistenziali, quali Residenze Sanitarie Assistite e di lungodegenza, case di riposo, comunità alloggio, con la finalità di accertare la regolare attuazione delle misure di contenimento e prevenzione alla diffusione epidemica e individuare eventuali situazioni di insufficiente erogazione di servizi assistenziali e di mancato possesso dei titoli abilitativi professionali da parte degli operatori, propedeutici a episodi di omessa custodia e maltrattamento.

Irregolarità in 37 strutture

In 37 strutture sono state riscontrate irregolarità, contestando, complessivamente, 59 violazioni, di cui 9 penali e 43 amministrative. Sono state deferite all’autorità giudiziaria 11 persone e segnalate ulteriori 42. Il Nas di Catanzaro ha sequestrato 9 confezioni di medicinali per uso umano, scadute di validità, detenute nell’infermeria di una comunità alloggio per anziani.

In particolare, il Nas di Reggio Calabria ha deferito la legale responsabile di una struttura socio assistenziale poiché, nonostante un’ordinanza di sospensione attività emessa dal Comune nel maggio 2020, la stessa aveva continuato l’esercizio di assistenza agli anziani, ospitando peraltro 12 degenti anziché 6, seppure in presenza di carenze strutturali ed organizzative, mancanza di personale qualificato e presenza di alimenti in cattivo stato di conservazione e scaduti di validità, destinati alla somministrazione degli ospiti. Al termine dell’intervento ispettivo, è stato seguito il sequestro penale della struttura.

Violazione norme anti Covid

Per quanto riguarda i controlli svolti su tutto il territorio nazionale, gli esiti hanno evidenziato 24 violazioni in materia di misure di prevenzione alla diffusione da Covid-19, riconducibili all’assenza di piani preventivi anti-Covid e, in 9 episodi, alla loro mancata attuazione, come l’individuazione di percorsi e aree dedicati, le modalità di gestione dei casi e di comunicazione all’autorità sanitaria, la programmazione delle fasi di pulizia e sanificazione, le prescrizioni per l’accesso dei visitatori in condizioni di sicurezza.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Cartellino Rosso, Asp e Azienda ospedaliera del Pugliese verso la costituzione di parte civile

Gabriella Passariello

Operaio lametino ha un malore sul posto di lavoro e muore durante la corsa in ospedale

Damiana Riverso

Sorpreso ad appiccare un incendio nel Catanzarese, arrestato

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content