Covid, cure domiciliari: il comitato chiede incontro al Ministero. “Bisogna tenere conto delle esperienze dei medici”

L'avvocato Grimaldi: "In piazza 5mila persone a testimonianza dal lavoro svolto dai medici e dai volontari del comitato"

“Il Comitato Cura Domiciliare Covid 19 ha chiesto un incontro al Ministero della Salute, per comprendere le ragioni per le quali, come auspicato anche dal voto del Senato in data 8 aprile, i medici che hanno operato sul campo non siano stati presi in considerazione nella redazione delle ultime linee guida nazionali per la cura domiciliare precoce del Covid-19”. lo afferma in una nota il presidente del Comitato, l’avvocato Erich Grimaldi.

“Curare i pazienti in coscienza”

“Curare i pazienti in coscienza”

“Sabato 8 maggio a Roma – afferma Grimaldi –  si è tenuta la prima conferenza nazionale del Comitato, alla quale hanno partecipato circa 5 mila persone, a testimonianza del grande lavoro svolto dai dottori e da tutti i professionisti e i volontari del gruppo Facebook #terapiadomiciliare Covid-19. A partire dalle 14.30 medici e cittadini supportati e guariti dal Covid grazie al gruppo, hanno raccontato la loro esperienza, spazzando via qualsiasi ombra rispetto alla genuinità del lavoro del Comitato e dei medici, che nulla hanno fatto se non curare i pazienti presi in carico in ‘scienza e coscienza’, utilizzando come griglia di orientamento lo schema terapeutico elaborato dal Consiglio Scientifico del Comitato stesso, per poi tarare le terapie sul singolo caso e utilizzando farmaci che sono assolutamente validati dal nostro sistema sanitario nazionale. I medici, proprio nel rispetto del giuramento prestato, continueranno a curare i pazienti secondo la loro preparazione ed esperienza sul campo, scelta che nessuna linea guida può in alcun modo limitare. Allo stesso tempo però, proprio per questa ragione, – conclude –  il Comitato Cura Domiciliare Covid 19 auspica una ripresa del tavolo di lavoro per il quale il viceministro Sileri si è impegnato dopo un primo confronto con il Comitato unitamente al senatore Massimiliano Romeo, concretizzatosi in una riunione organizzata da Agenas il 23 aprile scorso. È imprescindibile, dopo oltre un anno di lavoro, che il contributo di migliaia di medici di tutto il territorio italiano sia preso in considerazione”.

LEGGI ANCHE | Lotta al Covid, Grimaldi: “Con le cure domiciliari abbiamo salvato migliaia di persone”

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved