Calabria7

Covid, De Luca torna all’attacco contro il Governo: “Doveva chiudere tutto a ottobre”

La situazione negli ospedali campani “è di buona tenuta, in un quadro di generale pesantezza. Abbiamo raddoppiato in pochi mesi le nostre terapie intensive; abbiamo centinaia di posti letto di ricovero ordinario disponibili. C’è un affollamento come in tutta Italia, nei pronto soccorso. E c’è una grande carenza soprattutto di anestesisti: è questa la nostra criticità vera”. E quanto ha sostenuto il presidente della Regione Calabria in una intervista rilasciata a Libero.

Nell’intervista De Luca critica in più passaggi il governo, colpevole di aver ritardato l’introduzione delle zone rosse: “Bisognava chiudere tutto a ottobre, e con un’unica misura nazionale e non con misure tardive, parziali e produttrici solo di divisione e di confusione”. In quel caos, si sono anche generate le rivolte sociali nel capoluogo campano. “Contro i delinquenti ci vuole il pugno di ferro. C’è a Napoli qualche amministratore che non ha ancora avuto il coraggio e la dignità di condannare chi promuove la guerriglia”. Il riferimento è al sindaco del capoluogo partenopeo, Luigi De Magistris, “il più grande disastro amministrativo d’Italia”.

De Luca denuncia gli attacchi ricevuti dalla ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina e dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte, colpevoli a suo dire di aver ostacolato le ordinanze del governatore per chiudere le scuole in Campania, salvo poi prendere, con un mese di ritardo, la sua stessa scelta. Ma l’errore più grave del governo, secondo De Luca, è l’assenza di «un piano di mobilitazione eccezionale di impegno anti Covid e di coinvolgimento organico di decine di migliaia di agenti delle forze dell’ordine, dell’esercito, delle polizie municipali. Il territorio è rimasto senza controllo. Le ordinanze cadevano nel vuoto – dice nell’intervista, e conclude -. Alla fine, c’è stata la demenzialità dei criteri “oggettivi”. Come è possibile portare la Campania da zona gialla a rossa, dal martedì al venerdì? Cosa è cambiato in tre giorni?”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Focolaio in casa di cura del Catanzarese, 12 positivi tra dipendenti e ospiti

Mirko

Vaccino anticovid, previsto in Calabria l’arrivo di 67.510 dosi

Damiana Riverso

Sanità, Sapia: “Stop a piano rientro disavanzo in Calabria”

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content