Covid, finti vaccini per ottenere Green pass: arrestato medico di Ascoli Piceno

L'uomo è stato posto ai domiciliari. L'indagine è scaturita da alcune segnalazioni raccolte dai Nas
quarta dose

Attestava l’avvenuta vaccinazione anti-Covid di persone, anche provenienti da altre Regioni, per fare in modo che ottenessero il Green pass, senza somministrare la dose: con le accuse di falsità ideologica e materiale commessa da pubblico ufficiale in atti pubblici, peculato e truffa allo Stato è finito ai domiciliari un medico di medicina generale di Ascoli Piceno.

Tra le ipotesi di reato anche la dispersione di vaccini anti-Covid ricevuti dal servizio sanitario regionale. L’uomo è stato posto ai domiciliari dai Nas di Ancona insieme con i carabinieri della compagnia provinciale di Ascoli Piceno, a conclusione di una indagine coordinata dalla procura di Fermo, su disposizione del gip.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Interrogatorio di garanzia davanti al gip di Vibo. Ha risposto a tutte le domande l’ex direttrice amministrativa Valentina Amaddeo. Prodotta una memoria difensiva
L'ordinanza sulla sicurezza dei bagnanti comprende i Comuni da Simeri Crichi a Monasterace fino alla foce del torrente Assi
Ne dà notizia in una nota l'ateneo, spiegando che le circostanze della morte dell'avvocato e giurista "sono in corso di accertamento"
Del caso si sta occupando la Squadra Mobile. Sul luogo dell'agguato la polizia scientifica ha recuperato ben 5 bossoli
Sul posto oltre 15 unità dei vigili del fuoco che hanno lavorato per oltre un'ora nello spegnimento delle fiamme. Al via le operazioni per risalire alle cause del rogo
Sarà attivo il servizio sostitutivo via bus ma non si escludono disagi dal momento che l'intervento avviene nel periodo estivo
Avrebbero causato danni per circa mezzo milione di euro tra furto di energia elettrica e danneggiamenti ai contatori Enel
Secondo le ipotesi accusatorie avrebbero falsamente dichiarato un reddito inferiore rispetto alal soglia minima richiesta per legge
garbino
Ci sono anche due avvocati coinvolti nell'inchiesta della Dda di Catanzaro, nome in codice Garbino
Le armi vendute alle più importanti cosche calabresi, dai Giampà di Lamezia, agli Arena di Isola, ai Mancuso di Limbadi
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved