Calabria7

Covid, Gratteri: “La ‘ndrangheta aiuta la gente, poi ottiene il voto”

“Il 2/3% degli ‘ndranghetisti hanno una liquidità enorme, in contanti. Hanno soldi sotterrati e usano macchine conta denaro delle banche. Abbiamo lanciato l’allarme, approfitteranno della crisi”.

Sono le parole del procuratore della Repubblica di Catanzaro, Nicola Gratteri, nel corso di un intervento durante la trasmissione Quante Storie in onda su Rai Tre. La mafia può entrare nel settore turistico ed in tutti i settori per speculare sulla crisi degli imprenditori. Gratteri ha evidenziato la necessità di prevenzione, per impedire alla mafia di infilarsi nei momenti di crisi. “Ora stanno facendo i benefattori con famiglie bisognose e quando sarà ora di votare questi poveracci si ricorderanno di chi li ha aiutati. Gli usurai stanno chiedendo alle imprese di ottenere il prestito da 25 mila euro per saldare il debito con loro”. Lo scenario raccontato da Gratteri è un allarme oggettivo ed evidente, sul quale lo Stato deve intervenire. Il messaggio del giornalista Giovanni Tizian spera ed auspica che questo momento storico sia anche l’occasione per combattere la mafia. “Siamo sulla strada giusta – ha commentato Gratteri – ma non dobbiamo perdere quanto abbiamo fatto in questi anni”. (Guarda video trasmissione)

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Forze dell’ordine aggredite a Catanzaro, sindacati: “Zona sud è polveriera”

manfredi

Coronavirus, riunione in Prefettura a Vibo Valentia

Mirko

Catanzaro, cane aggredito da altri cani a Lido: la denuncia su FB

nico de luca
Click to Hide Advanced Floating Content