Calabria7

Covid in Calabria, “l’83% dei ricoverati in terapia intensiva senza vaccino o senza ciclo completo”

incidenza dei casi

La Regione ha diffuso il report epidemiologico settimanale sull’emergenza Covid in Calabria, il terzo dall’inizio del 2022 (CLICCA QUI per scaricarlo). Il documento contiene l’analisi dei principali dati dell’epidemia in Calabria, riferiti all’ultima settimana di monitoraggio (aggiornata al 20 gennaio 2022) “che registrano, ancora, una crescita di tutti i principali indicatori”.

Primi segnali di rallentamento

“Tuttavia – si legge nel report -, sono rilevabili i primi segnali di rallentamento di tale crescita che, in attesa di conferma, non devono comunque indurre ad abbassare il livello di attenzione e di adesione alla campagna vaccinale per tutte le fasce d’età per cui è disponibile. La variante Omicron (che sta diffondendosi con una prevalenza sempre maggiore) ha innalzato il tasso di positività verso valori superiori al 20% e anche le diagnosi di caso con il solo test antigenico rapido (come previsto nell’ordinanza del presidente della Regione n. 5/2022), sono raddoppiate negli ultimi 7 giorni”.

Percentuale di ricoverati tra le più alte d’Italia

“Questo livello di diffusione virale, fa registrare – ad oggi – una percentuale di ricoverati sul totale dei soggetti attualmente positivi, tra le più elevate d’Italia e un consistente numero di decessi. Per queste ragioni, anche tenendo conto della responsabilità individuale che le norme nazionali e regionali hanno affidato a ciascun cittadino, è necessario proseguire nel rigoroso rispetto delle misure comportamentali, l’utilizzo della mascherina adeguata ai contesti, il rispetto del distanziamento interpersonale, l’igiene delle mani e la frequente aerazione dei locali chiusi”.

“La settimana di monitoraggio oggetto della presente analisi – si legge ancora – è relativa al periodo 10-16 gennaio 2022. Con gli attuali criteri di assegnazione del rischio, la Cabina di Regia nazionale calcola il dato della saturazione dei posti letto Covid e il dato di incidenza, il giovedì̀ successivo alla settimana di riferimento, in corrispondenza del report di monitoraggio (che viene diffuso tutti i venerdì̀ di ogni settimana), sui sette giorni precedenti, al fine di avere un dato più̀ attuale possibile. Pertanto, nel presente report, vengono riportati alcuni dati anche al 20 gennaio 2022”.

Curva dei contagi in crescita

La curva dei contagi, anche in questa settimana, “si conferma in crescita, registrando l’aumento del valore degli indicatori ‘numero assoluto dei nuovi casi confermati’ e ‘incidenza settimanale per 100.000 abitanti’. Il numero di test eseguiti è pari a 87492 tamponi settimanali (4660 tamponi/100.000 abitanti). Il dato è sovrapponibile alla settimana precedente, registrando solo l’1,6% di tamponi in più. Come detto, il valore cumulato dei nuovi casi confermati della settimana (17813), registra un incremento pari a +4298 rispetto al dato della settimana precedente (+31,8%). La percentuale di soggetti risultati positivi rispetto al totale dei tamponi effettuati (tasso di positività), è in aumento, attestandosi al 20,36 % vs 15,69 % della settimana precedente”.

Tasso di positività al 21,29%

“Dal check del 20 gennaio 2022 (periodo dal 14 al 20 gennaio 2022) – riporta il report – si rileva che il valore medio del tasso di tasso positività risulta pari 21,29% mentre la differenza nel numero nuovi casi confermati rispetto ai 7 giorni precedenti (7 -13 gennaio 2022) registra il 18,6% dei casi in più (17834 vs 15031), pur osservandosi un rallentamento di tale crescita. Come detto, il tasso di positività registratosi nella settimana in analisi, che risulta evidente dalla media mobile settimanale, è in risalita”.

Nel valutare questo dato, però, “si deve sempre tener conto del numero totale di test rapidi che si eseguono nella nostra regione, determinando un tasso di test antigenici rapidi eseguiti/totale dei test, che si attesta ancora su valori del 27,7%, contro un valore medio nazionale pari a più del doppio (57,8%). Riguardo ai test antigenici rapidi che, a seguito dell’ordinanza del presidente della Regione n. 5/2022 del 10 gennaio 2022, possono essere utilizzati anche per la diagnosi di positività al SARSCoV-2 (senza necessità di conferma con tampone molecolare RT-PCR), si mette in evidenza come, negli ultimi 7 giorni, il valore del tasso di positività settimanale derivante da tale attività di testing, sia triplicato”.

Incidenza settimanale

Riguardo l’incidenza settimanale per 100.000 abitanti, “questo indicatore, nella settimana appena trascorsa, ha raggiunto il valore di 948,65, confermando ancora un andamento in crescita rispetto a quello della settimana precedente. Analizzando il dato di incidenza settimanale per singole province, anche in questa settimana i valori di tutte le province sono in crescita, tranne la provincia di Vibo che comunque rimane su valori ampiamente al di sopra della media regionale (1634)”.

“Nelle ultime 5 settimane il valore dell’incidenza è posizionato abbondantemente al di sopra del valore 150, limite critico costituente uno dei parametri per la collocazione in zona arancione. Per quanto concerne il numero dei casi attualmente positivi (casi attivi) si rileva come al 20 gennaio 2022, i casi settimanali siano incrementati negli ultimi 7 giorni di circa il 23% (contro il 40% della scorsa settimana), con valore che si assesta a 40027; alla data del 13 gennaio 2022 era pari a 32493”.

La settimana di riferimento

Nella settimana di riferimento (10-16 gennaio 2022), “l’incremento nel numero dei guariti è pari a 8514 soggetti, a fronte di 17813 nuovi casi positivi registratisi nello stesso periodo. Riguardo ai casi attualmente positivi (casi attivi), viene riportato, in termini percentuali, il valore regionale rispetto al totale dei casi confermati dall’inizio dell’epidemia. Nel confronto con tutte le altre regioni e con la media nazionale, si evidenzia come in queste ultime settimane la Calabria si mantenga con un tasso pari al 25,7% che, sebbene incrementatosi negli ultimi 7 giorni, cresce in misura minore rispetto a molte altre regioni. Al 19 gennaio 2022 i casi attivi regionali risultano essere dunque nell’ordine di 2072 casi/100.000 abitanti. Confrontando i dati della Calabria con le altre regioni d’Italia, rispetto alla percentuale dei soggetti ricoverati sul totale dei casi attivi, la nostra regione è la sesta con valori più elevati”.

Ospedalizzazione e decessi

Gli attuali dati collocano la regione “ad un tasso di saturazione dei posti letto in Area Medica del 40,13% (circa + 2 punti percentuali rispetto al dato di 7 giorni fa), mentre per la terapia intensiva la saturazione – dopo aver quasi raggiunto in alcune giornate la soglia del 20% – si è assestata al 17,33% (stabile negli ultimi 7 giorni, pur dovendosi tenere conto del lieve aumento dei posti letto disponibili)”.

“Tali parametri, unitamente all’incidenza superiore a 50 casi/100.000 abitanti – si legge ancora nel report – hanno già determinato il passaggio della regione nella fascia di rischio gialla dal 13 dicembre u.s. e mantengono ancora la situazione regionale prossima ai limiti critici che portano alla zona arancione. Riguardo i posti letto in terapia intensiva, si sottolinea l’andamento dal 1° agosto 2021, in relazione agli ingressi, al numero dei soggetti attualmente ricoverati e ai decessi. In terapia intensiva, dal 1° agosto 2021 al 20 gennaio 2022, a fronte di 249 nuovi ingressi, si è registrato un totale di 149 decessi (13 decessi negli ultimi 7 giorni)”.

“Riguardo i soggetti che attualmente si trovano in terapia intensiva Covid, alla data del 20 gennaio 2022, l’83% risulta non vaccinato o con ciclo vaccinale non completo (è stato considerato completo il ciclo con doppia dose o dose unica Johnson). Riguardo più in generale i decessi, nell’anno 2021 – conclude il report – la media giornaliera è stata pari 3,1 casi/die; nei primi 16 giorni dell’anno 2022, tale media è pari a 6,9 casi/die”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Droga, arrestata coppia di giovani nel Cosentino

Mirko

Calcio, il Crotone pronto a riassaggiare la Serie A dopo due anni di purgatorio

Antonio Battaglia

Catanzaro, Mirarchi: “Nessuno ha sottovalutato la questione della gestione cimiteriale”

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content