Calabria7

Covid, inaugurato a Catanzaro il più grande centro vaccinale hub della Calabria (VIDEO)

di Bruno Mirante – Taglio del nastro a Catanzaro per il centro vaccinale hub allestito dalla Protezione civile nella mega struttura che ospita l’Ente Fiera nel quartiere marinaro, messa a disposizione dell’amministrazione comunale del capoluogo. Nella struttura di recente inaugurazione è prevista, in una prima fase, l’attivazione di 5 linee vaccinali, per un totale di 500 vaccinazioni al giorno, che saranno successivamente portate a 10 con contestuale raddoppio delle dosi somministrate. Sono, infatti già 550 le prenotazione effettuate per la giornata di domani quando è previsto l’avvio delle operazioni di somministrazione. Attualmente, possono prenotarsi i soggetti con età superiore ai 70 anni che non presentano fragilità per patologia. Il vaccino anti-covid previsto e disponibile per questa categoria di soggetti è quello di AstraZeneca.

A visitare la struttura il presidente facente funzione della Regione Calabria, Nino Spirlì, assieme, tra gli altri, al commissario ad acta per la sanità, Guido Longo, al sindaco di Catanzaro, Sergio Abramo, e al commissario dell’Asp di Catanzaro, Luisa Latella. “Continua la campagna vaccinale – ha detto Spirlì – si apre una fase nuova con la disponibilità di hub e centri di distretto. Siamo arrivati a una soglia impensabile fino a due settimane fa, con una media di 10mila vaccini. Abbiamo ingranato una marcia che avremmo potuto fare da subito se avessimo avuto una sanità come le altre regioni”.

 Spirlì: i “furbetti” pagheranno ma no a gogne mediatiche

Sulle polemiche relative ai numeri dei vaccinati della categoria “altro”, il presidente facente funzione ha sottolineato: “Del furbetto in Calabria, così come ovunque, ce ne si può accorgere solo dopo. Pescheremo il vaccinato e il vaccinatore, ma non ci sarà una gogna mediatica. Anche il peggiore dei colpevoli ha diritto ad essere trattato secondo giustizia”.

“Villa Bianca è pronta a partire”

Spirli’ ha aggiunto che nell’ex Villa Bianca, sempre a Catanzaro, “stanno montando i primi letti per arrivare a 40 posti nell’arco massimo di dieci giorni. E’ stato superato un problema strutturale, mancavano da anni dei permessi dei Vigili del fuoco, la Protezione civile si è assunta l’onere di aiutare il Mater Domini a superare gli ostacoli con un progetto ad hoc. La mia proposta è quella di allestire tre ospedali covid per la zona nord, centro e sud della Calabria. Per la provincia di Cosenza, sono stati recuperati altri 50 posti tra Acri, Rossano e Cetraro. Gioia Tauro potrebbe essere riconfermato ospedale covid, una soluzione per bloccare l’aumento dei contagi proporzionale alla libertà che forse sarebbe stato meglio evitare”.

Varone: “L’obiettivo è quello di arrivare a 20mila dosi al giorno”

“L’obiettivo è di vaccinare in tutta la Calabria ventimila persone al giorno”. E’ il commento del capo della protezione civile regionale e delegato del soggetto attuatore all’emergenza covid Fortunato Varone, intervenuto all’inaugurazione dell’hub vaccinale di Catanzaro. “Da ieri è attivo il punto di Cirò – ha aggiunto – cui si aggiunge da domani questo di Catanzaro, poi anche Mesoraca. Nella prossima settimana avremo in funzione anche Corigliano-Rossano e Siderno”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Catanzaro, Celia: “Libro sogni Abramo è insulto alla realtà”

manfredi

Visita del Viceministro Cancelleri, incontro con sindaci del Catanzarese

Mirko

PaP Catanzaro: “Solidarietà al popolo del Rojava”

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content