Calabria7

Covid, l’allarme dell’Iss: “Mortalità sei volte più alta senza terza dose booster”

covid vaccini

Dall’ultima indagine rapida sulla prevalenza e distribuzione delle varianti di SarsCoV-2 emerge che “Omicron risulta avere una prevalenza stimata al 100%. La sottovariante BA.5 è ampiamente predominante, con una prevalenza a livello nazionale pari a 90,8% (75,5% nell’indagine precedente”. E’ quanto si legge nel report esteso settimanale dell’Istituto superiore di sanità. La prevalenza di BA.5 è elevata in tutte le Regioni, «con un range compreso fra il 76,5% e il 100%». «Significativo l’aumento nella numerosità dei sottolignaggi di BA.5 circolanti nel nostro Paese, in diminuzione i valori di prevalenza di BA.2 (1,4% contro 10,3% dell’indagine precedente) e di BA.4 (6,7% contro 13,2% dell’indagine precedente)».

Mortalità 6 volte più alta senza terza dose

“Il tasso di mortalità relativo alla popolazione sopra 12 anni (nel periodo 17/06/2022-17/07/2022) per i non vaccinati risulta circa tre volte e mezzo più alto rispetto ai vaccinati con ciclo completo da meno di 120 giorni e circa sei volte e mezzo più alto rispetto ai vaccinati con dose aggiuntiva-booster”, continua il report esteso dell’Istituto superiore di Sanità, che accompagna il monitoraggio settimanale su Covid-19. «L’efficacia del vaccino nel periodo di prevalenza Omicron (a partire dal 3 gennaio 2022) nel prevenire casi di malattia severa è pari all’84% nei soggetti vaccinati con la dose booster. L’efficacia del vaccino nel periodo di prevalenza Omicron nel prevenire casi di malattia severa è inoltre pari al 65% nei vaccinati con ciclo completo da meno di 90 giorni, 67% nei vaccinati con ciclo completo da 91 e 120 giorni e 69% nei vaccinati che hanno completato il ciclo vaccinale da oltre 120 giorni. L’efficacia del vaccino nel prevenire invece la diagnosi di infezione da SarsCoV2 è pari al 34% entro 90 giorni dal completamento del ciclo vaccinale, 25% tra i 91 e 120 giorni, 44% oltre 120 giorni dal completamento del ciclo vaccinale, 46% nei soggetti vaccinati con dose aggiuntiva/booster. Il tasso di ricoveri in terapia intensiva, sempre nel periodo 24/06/2022-24/07/2022, rileva il report esteso, per i non vaccinati risulta più del doppio rispetto ai vaccinati con ciclo completo da meno 120 giorni e circa quattro volte più alto rispetto ai vaccinati con dose aggiuntiva/booster”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Uccide la moglie a coltellate e scappa, marito reo confesso resta in carcere

Alessandro De Padova

Viaggia con una Fiat 500 contromano in autostrada, identificate le vittime

Maria Teresa Improta

“Sei bellissima, voglio conoscerti”, maestro pedofilo si finge un 17enne e adesca ragazzine online

Antonio Battaglia
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content