Calabria7

Covid, l’Ecdc: “Europa si prepari a una nuova ondata di contagi”

coronavirus tamponi

Andrea Ammon, direttrice del Centro europeo per il controllo delle malattie (Ecdc), nel corso di una lunga intervista al quotidiano inglese “The Guardian”, ha parlato della situazione Covid.

Dalle sue parole di evince una seria preoccupazione per una seconda ondata di contagi che potrebbe avvenire dopo l’estate:  “La seconda ondata di Coronavirus non è più una lontana ipotesi e l’Europa  si dovrebbe preparare anche perché non sappiamo la sua proporzione. Il nuovo virus circola molto di più rispetto a gennaio-febbraio, dunque ancora intorno a noi. Per tale motivo credo che non è arrivato il momento di rilassarsi. Il 90% della popolazione è ancora suscettibile al contagio”. Stando all’Ecdc, il picco di infezione dal 2 maggio è stato superato dall’Europa anche se Ammon ammonisce: ” Il nostro stile di vita dovrà essere cambiato e la gente deve capire un concetto: questo incubo non è finito”. Il contagio in Europa, secondo Ammon, è stato favorito dalle vacanze in montagna di inizio marzo tra Italia e Austria: “I primi casi nell’Ue avevano un legame con le località sciistiche delle Alpi, in Italia, in Austria. Abbiamo notato tutto questo in quanto i luoghi affollati sono una situazione perfetta per il Covid, Il virus non andrà via velocemente, anche perchè si adatta bene agli umani. Ripeto, dobbiamo mantenere le distanze interpersonali”.
Redazione Calabria 7

 

/

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Sanità, Unindustria Calabria incontra vertici Asp di Crotone

Matteo Brancati

Coronavirus: Ospedale Lamezia Terme, percorsi in sicurezza

Mirko

Coronavirus, il numero dei tamponi effettuati in Calabria: i dati ufficiali

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content