Calabria7

Covid, verso il nuovo decreto: scuole aperte fino alla prima media anche in zona rossa

sistema dei colori

Si punta tutto sulla scuola per le riaperture: per il resto, prevale fino a fine aprile la linea dura, con blocco degli spostamenti e chiusura di bar e ristoranti. È quanto emerge da fonti di governo al termine della cabina di regia a Palazzo Chigi. Nell’incontro i rappresentanti del Cts Silvio Brusaferro e Franco Locatelli avrebbero ribadito la gravità dei dati e la necessità di confermare le chiusure per evitare una risalita della curva epidemiologica. Restano “sospese” le zone gialle, dunque non riaprono neanche a pranzo i ristoranti e per ora non riprendono l’attività neanche cinema, teatri o palestre. Per tutte le attività chiuse arriveranno – secondo quanto confermato nella riunione – nuovi rimborsi e sostegni, finanziati dalla richiesta di un nuovo scostamento di bilancio intorno al 10 aprile. La scadenza del decreto è stata fissata al 30 aprile anche perché in quella data scade lo stato d’emergenza. In un secondo momento si valuterà dunque la proroga dello stato d’emergenza e di conseguenza le nuove misure. L’obiettivo sarebbe affrontare queste altre settimane di restrizioni per poi iniziare ad aprire gradualmente.

LEGGI ANCHE Draghi: “Usciremo dalla crisi con la produzione dei vaccini”

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Manifestazione nazionale contro il decreto Sostegni, in piazza anche le imprese Horeca

Giovanni Bevacqua

Coronavirus: neonato positivo non è grave. L’esperto: “Il virus rallenta”

manfredi

Contagiati dalla tentazione: genitori chiamano gemelli Covid e Corona

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content