Crisi all’Annunziata di Cosenza, il centrosinistra: “L’addio di Scrivano fotografa un disagio insostenibile”

Tavernise (M5S) Bevacqua e Iacucci (Pd): "Situazione sempre più grave che coinvolge tanto gli operatori sanitari, ormai allo stremo, quanto i pazienti”
Sanità a Cosenza, attivata al pronto soccorso dell'Annunziata la Sala Immunoematologica

“Abbiamo appreso con preoccupazione delle dimissioni del primario del Pronto Soccorso dell’Ospedale civile di Cosenza, Pietro Scrivano, che vogliamo ringraziare per la professionalità e l’abnegazione dimostrata nello svolgimento del suo lavoro. Quell’addio per noi è la fotografia di un disagio non più sostenibile all’Ospedale Annunziata di Cosenza. Una situazione sempre più grave che finisce per coinvolgere tanto gli operatori sanitari ormai allo stremo, quanto i pazienti”. Lo affermano in nota i consiglieri regionali Davide Tavernise (M5S), Mimmo Bevacqua e Francesco Antonio Iacucci (Pd).

“Esattamente due mesi fa – proseguono – abbiamo incontrato i vertici dell’Ospedale Civile di Cosenza nel corso di una visita ispettiva all’azienda sanitaria, e abbiamo avuto modo di toccare con mano le problematiche che insistono in questa struttura. Difficoltà che di fatto compromettono il diritto alla cura dei cittadini, né si riesce a programmare compiutamente un miglioramento del servizio sanitario pubblico. Oggi non possiamo che ribadire al Commissario straordinario dell’Azienda ospedaliera Vitaliano De Salazar quelle che per noi continuano ad essere le priorità da risolvere, prime fra tutte il potenziamento della rete dell’emergenza-urgenza e della medicina di prossimità e del territorio. Due aspetti che devono viaggiare parallelamente al fine di fornire risposte adeguate. Risposte che vorremmo soprattutto dal presidente Occhiuto anche commissario alla sanità in Calabria. Nonostante gli annunci ancora siamo all’anno zero e nel frattempo il governo ha inflitto nuovi e pesanti tagli”.

“Esattamente due mesi fa – proseguono – abbiamo incontrato i vertici dell’Ospedale Civile di Cosenza nel corso di una visita ispettiva all’azienda sanitaria, e abbiamo avuto modo di toccare con mano le problematiche che insistono in questa struttura. Difficoltà che di fatto compromettono il diritto alla cura dei cittadini, né si riesce a programmare compiutamente un miglioramento del servizio sanitario pubblico. Oggi non possiamo che ribadire al Commissario straordinario dell’Azienda ospedaliera Vitaliano De Salazar quelle che per noi continuano ad essere le priorità da risolvere, prime fra tutte il potenziamento della rete dell’emergenza-urgenza e della medicina di prossimità e del territorio. Due aspetti che devono viaggiare parallelamente al fine di fornire risposte adeguate. Risposte che vorremmo soprattutto dal presidente Occhiuto anche commissario alla sanità in Calabria. Nonostante gli annunci ancora siamo all’anno zero e nel frattempo il governo ha inflitto nuovi e pesanti tagli”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Confermato l'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Francesco Putortì, indagato per omicidio e tentato omicidio
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved