Crollo di un ponte nel Cosentino, gli abitanti isolati da 10 mesi: “Non ce la facciamo più”

I cittadini hanno organizzato un sit-in per chiedere risposte: “È una vergogna che un ponte nuovo sia crollato”

Gli abitanti di Longobucco, nel Cosentino, rimasti isolati dopo il crollo del ponte sulla stradale 117 Sila-Mare avvenuto a maggio scorso, hanno organizzato un sit-in di protesta per la situazione. A quasi dieci mesi dal crollo, gli abitanti ancora chiedono risposte e azioni da parte dell’Anas. “È una vergogna che un ponte nuovo, di nuove anni, inaugurato nel 2016, sia crollato, e ancora non si vede niente. Abbiamo partecipato mesi fa a una riunione con Anas. Ci hanno detto che nel 2025 il ponte sarebbe stato ricostruito, ma se non iniziano i lavori, come faranno?”, afferma un uomo intervistato dal TgR Calabria.

Il 3 maggio 2023 è venuto giù il ponte. L’isolamento minaccia un’intera comunità anche dal punto di vista dell’assistenza sanitaria: “Non ce la facciamo più. Per andare a fare qualsiasi visita dobbiamo percorrere questa strada e abbiamo 50 minuti di curve per arrivare a un primo soccorso”, sostengono gli abitanti, che hanno chiesto un incontro immediato con Anas.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Nel corso dell'incontro sarà presentato il dossier elaborato dai circoli locali di Legambiente basato sulla campagna di monitoraggio effettuata su alcune aste fluviali
Messa in sicurezza l’area, è stato chiuso al traffico il tratto interessato dal rogo per il tempo necessario alle operazioni di spegnimento
Il governatore: "La nostra terra ha vitigni eccellenti e tante piccole cantine"
Ordinato sacerdote nel 1936 fu membro per sedici anni della Compagnia di Gesù, insegnando filosofia e teologia
Sul posto il personale medico del 118 ed i carabinieri per i rilievi del caso, assieme a squadre dell'Anas
Le osservazioni in vista della conferenza di impatto ambientale
L'aspirante primo cittadino parla anche delle "condizioni disagevoli per l’erogazione delle prestazioni" e del "sovraccarico di lavoro"
Il più grande festival della regione, dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, sarà inaugurato lunedì 15 aprile
Intanto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, è in contatto con i prefetti delle città italiane
L'uomo non ha saputo specificare la provenienza del denaro che per gli investigatori sarebbe frutto di illeciti
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved