Calabria7

Crotone: disastro sul lavoro costò la vita a 3 operai, processo rinviato

lvoro crotone

In forza alle norme per il contenimento della diffusione del coronavirus, che hanno disposto, a decorrere dal 9 marzo, il rinvio delle udienze dei procedimenti pendenti presso tutti gli uffici giudiziari in data successiva al 15 aprile, è stata rinviata e fissata per il 20 maggio 2020, alle ore 9, presso il Tribunale di Crotone, l’attesa udienza, inizialmente in programma per l’8 aprile, del processo per il disastro sul lavoro del 5 aprile 2018: da poco è trascorso il secondo anniversario.

Com’è tristemente noto, il tragico infortunio è costato la vita a tre operai, travolti dal crollo di un muro del cantiere durante i lavori di ampliamento del lungomare di viale Magna Grecia: Giuseppe Greco, 51 anni, e Mario De Meco, 56, entrambi di Isola di Capo Rizzuto, e l’appena 35enne di origini rumene Dragos Petru Chiriac, di Crotone. Per l’ennesima tragedia sul lavoro che, anche per le sue dimensioni, ha scosso l’Italia intera, il Pubblico Ministero della Procura crotonese titolare del fascicolo per il reato di omicidio colposo in concorso, il dott. Andrea Corvino, a chiusura delle indagini preliminari, ha chiesto il rinvio a giudizio per tre figure apicali della Crotonscavi Costruzioni generali S.p.a., l’impresa incaricata dal Comune di eseguire i lavori “incriminati”, e per il progettista. Si tratta del geom. Gennaro Cosentino, 58 anni di Crotone, rappresentante legale dell’impresa, appaltatore delle opere, redattore del Piano Operativo di Sicurezza, datore di lavoro di fatto e di diritto e direttore tecnico di Crotonscavi; il geom. Massimo Villirillo, 57 anni, di Crotone, dirigente e procuratore della società, a cui erano conferiti specifici poteri di vigilanza e organizzazione del lavoro; il geom. Giuseppe Spina, 44 anni, pure di Crotone, capocantiere preposto della ditta, e l’architetto di origini vicentine residente a Como Sergio Dinale, 57 anni, legale rappresentante dello Studio veneziano “D:RH architetti e associati” con sedi a Mestre e Como, firmatario del Psc (Piano di Sicurezza e Coordinamento), progettista dell’opera nonché direttore dei lavori e coordinatore della sicurezza in fase di progettazione (Csp) ed esecuzione (Cse).

Agli imputati il Pm contesta a vario titolo, ciascuno per le proprie funzioni, gravissime violazioni in ordine alla “inosservanza di leggi, regolamenti, ordini e discipline” alla base dell’incidente. Le indagini hanno portato ad accertare che “l’evento si verificava

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Rubano ciclomotore durante Crotone-Pisa, due arresti

Matteo Brancati

Atto intimidatorio a Cirò Marina, solidarietà Ferro a Lo Moro

manfredi

Morte Toffa: il ricordo del Comitato ‘Gruppo Crotone ci mette la faccia’

nico de luca
Click to Hide Advanced Floating Content