Crotone, incendiano cumuli di rifiuti: i carabinieri denunciano due persone

crotone

I militari della Stazione CC Forestale Cirò, nel corso di un’attività di controllo del territorio, hanno notato una vistosa colonna di fumo scuro, a tratti nero, che si levava da alcuni cumuli in fiamme, all’interno di un terreno incolto nella località Gabella Soprana, a Crotone. Raggiunta l’area a piedi hanno sorpreso due persone intente a distruggere con il fuoco rifiuti vari, classificati dalla normativa come rifiuti speciali non pericolosi. I due individui, intenti ad alimentare e controllare i fuochi che ardevano in nove cumuli, indossavano abbigliamento da lavoro e attrezzi specifici.

Dopo gli accertamenti previsti sono stati deferiti alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Crotone, per le valutazioni di competenza. Uno di essi è un nigeriano chiamato a concorrere in un lavoro – in questo caso veramente sporco – verosimilmente per pochi soldi. La combustione illecita dei rifiuti è vietata dal dlgs 152/2006 cosiddetto testo unico ambientale. Oltre i rischi propri dell’accensione di fuochi che possono portare allo scatenarsi di veri e propri incendi, durante l’ignizione dei rifiuti di materie plastiche e altri materiali, così come quelle bruciate nel caso in esame, si producono sostanze nocive come le diossine. Esse possono indurre alterazioni delle forme di vita, anche a basse concentrazioni. Anche per tali motivi la combustione dei rifiuti non è consentita.

Dopo gli accertamenti previsti sono stati deferiti alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Crotone, per le valutazioni di competenza. Uno di essi è un nigeriano chiamato a concorrere in un lavoro – in questo caso veramente sporco – verosimilmente per pochi soldi. La combustione illecita dei rifiuti è vietata dal dlgs 152/2006 cosiddetto testo unico ambientale. Oltre i rischi propri dell’accensione di fuochi che possono portare allo scatenarsi di veri e propri incendi, durante l’ignizione dei rifiuti di materie plastiche e altri materiali, così come quelle bruciate nel caso in esame, si producono sostanze nocive come le diossine. Esse possono indurre alterazioni delle forme di vita, anche a basse concentrazioni. Anche per tali motivi la combustione dei rifiuti non è consentita.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Chiamati a raccolta in città i catanzaresi che non potranno seguire la loro squadra del cuore in trasferta
La donna aveva trascinato l'ex coniuge in tribunale perché non pagava gli alimenti . Ottenuti i danni morali
A renderlo noto è il sottosegretario all’Interno Wanda Ferro. Per altre importanti chiese si stanno valutando altre fonti di finanziamento
"La partita di sabato prossimo sarà un’altra occasione per confermare il meraviglioso percorso realizzato da Vivarini, Iemmello e compagni"
Tre gli incontri sul territorio per il deputato già vice Ministro dell’Interno che sarà in provincia di Cosenza il prossimo giovedì 23 Maggio
I carabinieri hanno trovato in un fondo agricolo di proprietà dell'uomo 37 cani, 5 dei quali sprovvisti di iscrizione all'anagrafe canina
Il fatto è accaduto a Settingiano. L'esplosione probabilmente è stata causata da una fuga di gas. Sul posto Vigili del fuoco e carabinieri
Accolta la richiesta difensiva. Per i giudici di appello "non esiste la pericolosità sociale". Dimostrata la non appartenenza al sodalizio
Il documento firmato dal presidente della Giunta Regionale Occhiuto e dal comandante regionale della Guardia di Finanza Gianluigi D’Alfonso
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved