Crotone, sequestrati 83 chili di fuochi artificiali: sanzioni ai proprietari di due stand

I fuochi erano in vendita sulla pubblica via. Irrogata anche una penalità amministrativa per l’occupazione abusiva del suolo pubblico

I controlli nei confronti di attività commerciali dediti alla vendita di materiale pirotecnico, disposti dalla Questura di Crotone e intensificati nell’imminenza dei festeggiamenti di Capodanno, hanno consentito di sequestrare 83 chilogrammi di merce e sanzionare i titolari di due esercizi. Le attività sono state svolte dal personale della Squadra Amministrativa della Divisione P.A.S.I. della Questura.

Gli operatori hanno rinvenuto il materiale pirotecnico, posto in vendita in stand collocati sulla pubblica via, esposto in luogo diverso da quello indicato nel provvedimento di autorizzazione, per cui si è proceduto al sequestro dei fuochi, nonché all’irrogazione della sanzione amministrativa prevista, anche per l’occupazione abusiva del suolo pubblico.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
La segretaria regionale Caterina Fulciniti interviene sulle intese raggiunte nei giorni scorsi
Scendono le medie nazionali dei prezzi praticati alla pompa, in particolar modo per i maggiori marchi
Il presidente americano: "Per colpa sua e di quello come lui dobbiamo preoccuparci di un conflitto nucleare"
Diciannove persone sono finite in carcere e 3 agli arresti domiciliari. Tra i reati contestati, a vario titolo, anche ricettazione e sequestro di persona
Oltre ai destinatari dei provvedimenti cautelari, nei due procedimenti penali risultano indagate complessivamente 40 persone
l'inviato
I residenti puntano il dito contro Comune e Aterp e da anni chiedono la messa in sicurezza degli alloggi popolari che rischiano di collassare
Tajani unico candidato alla segreteria, mentre secondo gli analisti il presidente della Regione Calabria dovrebbe essere "il favoritissimo" numero 2
L'uomo, stando alle prime notizie, sarebbe stato colto da un arresto cardiaco che non gli ha lasciato scampo
Per gli appassionati della montagna la buona notizia è che restano aperti la cabinovia e i rifugi di monte e di valle
"La causa principale di ciò che accade nel Mediterraneo è del neocolonialismo e di chi obbliga le persone a intraprendere questo viaggio"
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved