Cuore fermo per oltre un’ora, miracoloso salvataggio in Calabria

Provvidenziale l'ottimo coordinamento della macchina dei soccorsi che si è attivata sul posto rapidamente e l'intervento dell'elisoccorso

La chiamata dalla centrale operativa di Catanzaro, l’equipe di elisoccorso della base di Locri che entra in azione in una domenica di maggio. Una vita era sospesa sull’orlo dell’abisso a causa di un grave arresto cardiaco.

L’equipaggio, guidato dal coraggioso pilota comandante Quaia e affiancato dal tecnico Lo Presti, dal medico anestesista rianimatore Andricciola e dall’infermiera di area critica Lamantea, ha risposto all’appello con la determinazione di chi combatte contro il tempo stesso. Giunti sul posto, hanno trovato una scena di impegno eroico: le infermiere Alessandra Alessi e Marisa Marra insieme alla volontaria della Croce Rossa, Valentina Alessi, si erano già gettate nell’arduo compito del massaggio cardiaco. Tuttavia, non c’era tempo da perdere. Il paziente aveva già attraversato tre defibrillazioni sotto l’attenzione premurosa dell’equipe del 118 della postazione di Taurianova, composta dall’autista soccorritore Domenico Ierace, dall’infermiere Carmelo Crea e dal medico Massimo Galluzzo. Ma la vita era aggrappata appena ad un filo.

L’equipaggio, guidato dal coraggioso pilota comandante Quaia e affiancato dal tecnico Lo Presti, dal medico anestesista rianimatore Andricciola e dall’infermiera di area critica Lamantea, ha risposto all’appello con la determinazione di chi combatte contro il tempo stesso. Giunti sul posto, hanno trovato una scena di impegno eroico: le infermiere Alessandra Alessi e Marisa Marra insieme alla volontaria della Croce Rossa, Valentina Alessi, si erano già gettate nell’arduo compito del massaggio cardiaco. Tuttavia, non c’era tempo da perdere. Il paziente aveva già attraversato tre defibrillazioni sotto l’attenzione premurosa dell’equipe del 118 della postazione di Taurianova, composta dall’autista soccorritore Domenico Ierace, dall’infermiere Carmelo Crea e dal medico Massimo Galluzzo. Ma la vita era aggrappata appena ad un filo.

Con determinazione incrollabile, l’equipe di elisoccorso si è gettata nel vortice dell’azione. La rianimazione cardiopolmonare è iniziata, con i protocolli Acls eseguiti con precisione chirurgica. Settanta minuti di tensione estrema, di speranza mescolata a paura, finché finalmente, un battito. Con il cuore del paziente di nuovo in movimento, l’elisoccorso si è trasformato in un angelo custode. Il trasporto al Grande Ospedale Metropolitano di Reggio Calabria era la prossima tappa, dove rianimatori ed emodinamisti attendevano per svolgere lo studio coronarografico vitale. Il paziente è stato immediatamente sottoposto a stentaggio sulla coronaria occlusa, mentre il battito del suo cuore era ora un coro di speranza, un inno alla vita che rinasce. Ancora una volta, l’elisoccorso ha dimostrato il suo valore incalcolabile.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved