Da Denaro Messina a Strangio, Saccomanno (Lega): “Il nuovo Governo fa sul serio”

"Molto importanti sono stati e sono i testimoni ed i collaboratori di giustizia che, però - afferma il commissario regionale - devono essere maggiormente tutelati"
lega saccomanno

“E sono quarantadue. In poco tempo le forze dell’ordine, la Magistratura e le Istituzioni tutte hanno inferto pesanti colpi alle mafie. Specialmente, negli ultimi mesi vi sono stati arresti ponderosi a cominciare da Matteo Denaro Messina a finire ad Antonio Strangio. Colpi duri che comprovano la volontà di questo Governo di fare sul serio e di proseguire nel percorso di bonifica e di taglio effettivo della parte malata della nostra società. Senza aggiungere le ultime operazioni avvenute in Calabria che hanno dimostrato, ancora una volta, la collusione tra la ‘ndrangheta, l’impresa e la politica. Un connubio deleterio per la società che, però, esiste ed ha portato la regione ad avere sempre più un controllo quasi diretto da parte delle lobby trasversali di potere”. Lo scrive in una nota il Commissario regionale Lega Giacomo Francesco Saccomanno.

“Indagini certosine – è scritto ancora – che hanno comprovato questo sistema corruttivo tendente, quasi esclusivamente, ad acquisire illegalmente risorse pubbliche per il bene di pochi. Una tale azione, però, ha un vulnus: quello di arrivare sempre e spesso molto tardi, consentendo alla criminalità organizzata e alle lobby di gestire la cosa pubblica per molti anni, radicandosi sempre più nei gangli delle Istituzioni. Ecco che soggetti insospettabili diventano il chiavistello per scardinare e derubare il bene pubblico. Ebbene, per tali condotte illecite bisogna creare un processo che abbia priorità e che, in caso di condanna, allontani definitivamente questi dal sistema istituzionale”.

“Indagini certosine – è scritto ancora – che hanno comprovato questo sistema corruttivo tendente, quasi esclusivamente, ad acquisire illegalmente risorse pubbliche per il bene di pochi. Una tale azione, però, ha un vulnus: quello di arrivare sempre e spesso molto tardi, consentendo alla criminalità organizzata e alle lobby di gestire la cosa pubblica per molti anni, radicandosi sempre più nei gangli delle Istituzioni. Ecco che soggetti insospettabili diventano il chiavistello per scardinare e derubare il bene pubblico. Ebbene, per tali condotte illecite bisogna creare un processo che abbia priorità e che, in caso di condanna, allontani definitivamente questi dal sistema istituzionale”.

“Obiettivo prioritario”

A dire di Saccomanno “molto importanti sono stati e sono, ancora, i testimoni ed i collaboratori di giustizia che, però, devono essere maggiormente tutelati. Loro mettono a repentaglio la propria incolumità, oltre quella dei familiari, per fornire un contributo, quasi sempre rilevante, per l’accertamento della verità. Meritano una maggiore attenzione e tutela. Non possono essere dimenticati dopo aver consentito il raggiungimento del risultato. Su questi punti vi è necessità di maggiore attenzione ed impegno da parte di tutti i soggetti che possono fornire un forte contributo, a cominciare dalla politica sana. E per il centrodestra – conclude la nota del commissario regionale – tale obiettivo è, certamente, prioritario”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Grande successo per il basket calabrese, che vede una sua squadra prevalere sulle forti e quotate società siciliane
Farnetani e l'appello nella Giornata mondiale dell'attività fisica: "La sedentarietà si combatte fra i banchi e in famiglia, sì a weekend in bici e al parco"
Con il Gran Maestro si è insediata anche la Giunta che, con lui, guiderà l’ordine: ecco da chi è composta
In arrivo una perturbazione atlantica, che sarà associata ad aria più fredda e molto instabile
Subito è scattato l'allarme, ma quando i sanitari di ambulanza e automedica sono giunti sul posto, non c'era purtroppo nulla da fare per l'uomo
“Confido in Dio, nella scienza e nelle mie forze per uscirne” ha scritto l’ex direttore della Protezione civile Calabria su Facebook
Il caso
Il grido di aiuto dei tossicodipendenti vibonesi rimane inascoltato. E anche la struttura di Tropea potrebbe fare la stessa fine
L'aria è diventata irrespirabile e la struttura è stata evacuata tra malori, sintomi di intossicazione e crisi di panico
I soccorsi sono stati immediati ma gli operatori del 118 e i vigili del fuoco non hanno potuto far altro che accertare la morte del pilota
La donna avrebbe voluto trascorrere qualche giorno nel Canavese, la risposta del gestore è stata secca: "Vi lamentate troppo"
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved