Dal 2035 stop alle automobili a benzina, diesel e gpl

Entro il 2035 sarà obbligatoria l’immissione sul mercato europeo esclusivamente di auto e furgoni nuovi a zero emissioni

Raggiungere una mobilità stradale a emissioni zero entro il 2035 con l’obiettivo, a livello europeo, di produrre autovetture nuove e i veicoli commerciali leggeri nuovi a zero emissioni: è questo l’intento alla base della votazione di ieri sera del Parlamento europeo, che in sessione plenaria a Strasburgo ha approvato la proposta della Commissione europea di rendere obbligatoria entro il 2035 l’immissione sul mercato Ue di auto e furgoni nuovi a zero emissioni. Il testo ha incassato 339 voti favorevoli, 249 quelli contrari e 24 astensioni.

Riduzione emissioni aerei

Riduzione emissioni aerei

Con 479 voti favorevoli, 130 contrari 32 astensioni, l’Eurocamera ha anche votato la revisione del sistema di scambio per le emissioni nocive nell’aviazione: tutti i voli che partono dal territorio dello Spazio economico europeo (che include l’Ue e l’Islanda, la Svizzera e il Liechtenstein) dovranno essere coinvolti nel mercato delle emissioni nocive. Qui le emissioni concesse gratuitamente sarebbero interrotte già nel 2025.

Pacchetto Fit for 55

La sessione plenaria del Parlamento europeo ha approvato solo cinque delle otto proposte di legge del pacchetto Fit for 55, la serie di misure vincolanti presentate dalla Commissione europea per centrare l’obiettivo di raggiungere entro il 2030 a livello europeo una riduzione del 55% delle emissioni di anidride carbonica rispetto ai livelli del 1990.

Centrali ad emissioni nocive

L’Eurocamera ha bocciato la riforma del sistema di scambio di emissioni nocive (Ets) che obbliga 11mila centrali elettriche e imprese a partecipare un’asta in cui aggiudicarsi dei permessi per poter emettere un certo numero di tonnellate di CO2. Al fine di allineare il sistema con gli obiettivi dell’agenda climatica la Commissione ha proposto di ridurre la quota di emissioni concesse gratuitamente ad alcuni settori a rischio. I gruppi dei liberali e dei socialisti avevano concordato di far terminare il periodo transitorio per le emissioni gratuite al 2032, ma i primi hanno in seguito votato per la proposta dei popolari che proponevano di chiudere tale periodo nel 2034. Il testo finale è stato respinto con 340 voti contrari, 265 favorevoli e 34 astenuti. La plenaria ha successivamente deciso di rinviare la discussione in commissione Ambiente per cercare un nuovo compromesso ed evitare di far naufragare l’iter legislativo. Insieme alla riforma dell’Ets, sono state rinviate anche la discussione sul meccanismo di aggiustamento del carbonio alla frontiera (Cbam), che avrebbe introdotto dei dazi per i prodotti importati da Paesi terzi e ottenuti attraverso produzioni altamente inquinanti, e sul Fondo social climatico. Entrambi i documenti sono legati alla riforma degli Ets e devono essere resi compatibili, ha spiegato il presidente della commissione Ambiente Pascal Canfin.

Pozzi naturali

Nella votazione gli eurodeputati hanno approvato anche la revisione del regolamento Lulucf (Land use, land use change and forestry sector) per il miglioramento dei pozzi naturali di assorbimento che potrebbe permettere di migliorare l’obiettivo di riduzione delle emissioni dal -55% al -57% (con un meccanismo per i Paesi che non riescono a raggiungere i loro obiettivi annuali a causa di perturbazioni naturali) e il regolamento sulla condivisione dello sforzo che rende per la prima volta vincolanti gli obiettivi per la riduzione delle emissione per i 27 Stati membri. (Dire)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Si giocherà stasera il primo turno dei playoff. Gara secca e senza ulteriori appelli. Alle Aquile basta un pari per la semifinale
Migliaia di persone in piazza con l'obiettivo è di bloccare il progetto fortemente sponsorizzato dalla Lega e dal governo di centrodestra
Mamma di una bambina, racconta di essere stata licenziata nel 2022 per "riduzione del personale". Il tribunale le ha dato ragione, ma i soldi non sono ancora arrivati
I consiglieri comunali d Giuseppe Dell'Aquila e Antonio Pace chiedono al sindaco Sergio Ferrari di precisare aspetti fondamentali
Il sindaco Pellegrino: "Un atto gravissimo che colpisce un professionista e un amministratore integerrimo"
Inutili i soccorsi dell’equipe sanitaria, intervenuta con l'elisoccorso. Sulla vicenda indagano i carabinieri. Il cane è stato sequestrato
"Non ha trovato la forza né il coraggio di spiegare che produrrà un divario enorme tra Nord e Sud, a livello economico, di servizi e diritti"
Presente anche una folta delegazione di abitanti di Punta Faro in Sicilia e Cannitello a Villa San Giovanni, le aree che saranno espropriate
Progetto “Squadra Mobile”. Operazione di contrasto al fenomeno dell’illecito stoccaggio e smaltimento di rifiuti
l'inviato
L’ex sito industriale sepolto dalle erbacce e a rischio igienico- sanitario. Promessi mega progetti per rilanciare l’area diventata simbolo della decadenza del territorio
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved