Dal Brasile: “Pelè non risponde più alla chemioterapia, ora è sottoposto a cure palliative”

Dal canto suo, la figlia di Pelè ha parlato di una situazione assolutamente sotto controllo, definendo il ricovero del padre uno step sanitario programmato
pelè

Ci sarebbero nuove indiscrezioni dal Brasile sulle condizioni di salute di Pelè. Secondo quanto riporta “A Folha”, infatti,  l’ex stella verdeoro non starebbe più rispondendo alla chemioterapia cui si è sottoposto dallo scorso settembre dopo aver subito un’operazione per un tumore all’intestino e, per questo, trasferito nel reparto di cure palliative dell’ospedale Albert Einstein, dove si trova ricoverato da mercoledì 30 novembre. Notizia, questa, che, se confermata, testimonierebbe un rapidissimo peggioramento del quadro clinico.

Dopo aver dichiarato nei giorni scorsi che l’ex calciatore 82enne aveva “il pieno delle funzioni vitali”, l’ospedale Albert Einstain di San Paolo non ha voluto commentare le nuove indiscrezioni del quotidiano brasiliano, secondo cui le cure a cui è sottoposto Pelè non starebbero ormai dando più esito e le metastasi avrebbero aggredito anche i polmoni e il fegato. Un peggioramento che avrebbe indotto i sanitari a sottoporre l’ex campione soltanto a cure palliative, trattamenti solitamente utilizzati per migliorare il più possibile la vita dei pazienti in fase terminale.

Dopo aver dichiarato nei giorni scorsi che l’ex calciatore 82enne aveva “il pieno delle funzioni vitali”, l’ospedale Albert Einstain di San Paolo non ha voluto commentare le nuove indiscrezioni del quotidiano brasiliano, secondo cui le cure a cui è sottoposto Pelè non starebbero ormai dando più esito e le metastasi avrebbero aggredito anche i polmoni e il fegato. Un peggioramento che avrebbe indotto i sanitari a sottoporre l’ex campione soltanto a cure palliative, trattamenti solitamente utilizzati per migliorare il più possibile la vita dei pazienti in fase terminale.

Dal canto suo, la figlia di Pelè nei giorni scorsi ha parlato di una situazione assolutamente sotto controllo, definendo il ricovero del padre soltanto uno step sanitario programmato.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Il racconto di un uomo di 56 anni sopravvissuto perché ha ricevuto microbiota fecale e fegato
La decisione del preside dell'Istituto Munari di Crema fa discutere ed è diventata un caso politico
Entrambi sarebbero in attesa di primo giudizio. A vigilare sui cortili della prigione c'era un solo agente
La strada è stata provvisoriamente chiusa al traffico. Il personale di Anas è sul posto per la gestione della viabilità
Un’opera rock di assoluto valore artistico, storico e culturale, che ci riporta al popolo dei Bretti e al mito di Donna Brettia
Edison Malaj è deceduto schiacciato da una lastra di cemento mentre lavorava nel piazzale delle ex cantine sociali di Frascineto
Al "Ceravolo" una partita equilibrata con brivido finale per i giallorossi, che salgono a 39 punti
L’uomo è stato portato in elisoccorso all’Annunziata di Cosenza. La strada fortunatamente non era trafficata al momento dell’incidente
"Si sta cercando di delocalizzare il poco rimasto nel capoluogo che fino a ora rendeva la stessa realtà, e l'area più centrale della Calabria, attrattivi"
Dirigenti dell’Anas, indagati per presunta corruzione, avrebbero fornito informazioni riservate sulle gare. Tutto ruota intorno alla Inver
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved