Dal contante al reddito di cittadinanza, Meloni blinda le norme che “favoriscono l’evasione”

Il presidente del Consiglio inaugura una sua rubrica sui social e rivendica i provvedimenti sul cash e sui pagamenti digitali
Giorgia Meloni

Da zero a 30 euro, fino a 60, e ora si torna indietro. Altre modifiche in arrivo. Si va verso una riduzione della soglia oltre la quale è obbligatorio accettare i pagamenti con carte e bancomat. La retromarcia del governo esce fuori direttamente dall’agendina di Giorgia Meloni, che il presidente del Consiglio apre idealmente lanciando la rubrica social #gliappuntidiGiorgia, un appuntamento video, nelle intenzioni a cadenza settimanale, per raccontare il lavoro suo e dell’esecutivo, dando “risposte sui temi più caldi. Perché non c’è problema a rispondere su nulla”.

Un’altra correzione si profila sul superbonus, con il Mef che potrebbe assecondare il pressing della maggioranza accettando nel dl Aiuti quater di spostare dal 25 novembre al 31 dicembre il termine per la Cilas, e valutando soluzioni (ma i margini sono molto stretti) per sbloccare i crediti di imposta. In parallelo, in Parlamento inizia la corsa contro il tempo dell’iter di approvazione della manovra: la premier ne rivendica la portata, rigettando le accuse di favorire l’evasione fiscale.

Un’altra correzione si profila sul superbonus, con il Mef che potrebbe assecondare il pressing della maggioranza accettando nel dl Aiuti quater di spostare dal 25 novembre al 31 dicembre il termine per la Cilas, e valutando soluzioni (ma i margini sono molto stretti) per sbloccare i crediti di imposta. In parallelo, in Parlamento inizia la corsa contro il tempo dell’iter di approvazione della manovra: la premier ne rivendica la portata, rigettando le accuse di favorire l’evasione fiscale.

Tetto al contante

“Il tetto al contante sfavorisce la nostra economia”, sostiene, ricordando invece che la misura conto le aziende ‘apri e chiudi’ contrasta una “piaga che vale miliardi di euro” di sommerso. C’è poi appunto l’innalzamento della spesa minima oltre cui scattano le multe per i commercianti che rifiutano l’uso del Pos: era 30 euro nelle prime bozze, il doppio nel testo finale, e ora è in valutazione la nuova soglia. “Quella dei 60 euro è indicativa, per me – ammette Meloni – può essere anche più bassa. C’è ovviamente un’interlocuzione con la Commissione Ue, perché il tema del pagamento elettronico è fra gli obiettivi del Pnrr, bisogna vedere come andrà a finire”. L’indicazione da Bruxelles è attesa a breve, secondo fonti di governo. La leader di FdI rivendica comunque la ratio di una norma pensata per tutelare i commercianti dalle commissioni bancarie.

“Le multe vanno previste per altro”, interviene il vicepremier Matteo Salvini, secondo cui “se le opposizioni si attaccano alla questione del pos vuol dire che è un’ottima manovra”. Si attende da Bruxelles anche il giudizio complessivo sulla finanziaria, nonché il via libera per l’incremento da 65mila a 85mila euro dell’innalzamento della soglia per la flat tax per gli autonomi. Non meno delicata è l’interlocuzione continua con la Commissione Ue sullo stato del Pnrr. “È un dato incontrovertibile che dei 55 obiettivi da centrare entro fine anno a noi ne sono stati lasciati 30”, le parole di Meloni in un colloquio con Repubblica, in cui si è detta “fiduciosa che recupereremo”, precisando che se “qualcosa mancasse all’appello non sarebbe colpa nostra.”

Reddito di cittadinanza

Infine c’è il capitolo sul reddito di cittadinanza: “Voglio aiutare persone a uscire dalla povertà con il lavoro: il lavoro porta ovunque, il reddito di cittadinanza ti tiene dove sei, non c’è scampo”. “Tra percepire il reddito e rubare un’opzione di andare a lavorare forse dovresti prenderla in considerazione”, ha aggiunto commentando il video di una donna che si lamentava della stretta al Reddito. “Più percepirai il Reddito più sarai povero e difficile da inserire nel lavoro. Voglio regalare la dignità del lavoro a persone che non meritano di essere mantenute. Non voglio che la gente sia costretta a votarmi, voglio costruire libertà”. Il che non fa una piega se c’è il lavoro ed è retribuito in modo dignitoso. In particolare al Sud, come ha spiegato qualche giorno fa il direttore dello Svimez Luca Bianchi.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Messa in sicurezza l’area, è stato chiuso al traffico il tratto interessato dal rogo per il tempo necessario alle operazioni di spegnimento
Il governatore: "La nostra terra ha vitigni eccellenti e tante piccole cantine"
Ordinato sacerdote nel 1936 fu membro per sedici anni della Compagnia di Gesù, insegnando filosofia e teologia
Sul posto il personale medico del 118 ed i carabinieri per i rilievi del caso, assieme a squadre dell'Anas
Le osservazioni in vista della conferenza di impatto ambientale
L'aspirante primo cittadino parla anche delle "condizioni disagevoli per l’erogazione delle prestazioni" e del "sovraccarico di lavoro"
Il più grande festival della regione, dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, sarà inaugurato lunedì 15 aprile
Intanto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, è in contatto con i prefetti delle città italiane
L'uomo non ha saputo specificare la provenienza del denaro che per gli investigatori sarebbe frutto di illeciti
Un evento che ha riunito i congregari presenti, finalizzato all’approvazione dei documenti contabili dell'associazione
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved