De Biase: “Ospedale di Lamezia Terme, potenziarne le funzioni”

de biase lamezia

“Rilanciare la sanità a Lamezia! La classe politica non può assolutamente disconoscere la valenza di un ospedale che non solo abbraccia un comprensorio di 150 mila abitanti ma, per la sua centralità, è quello più facilmente raggiungibile da ogni parte della Regione e quindi in grado di servire un’utenza proveniente dalle diverse province. Questi elementi non possono essere assolutamente messi in secondo piano quanto si parla di sanità e si tratta di tutelare vite umane e offrire servizi indispensabili alla collettività”. Lo afferma il presidente del consiglio comunale di Lamezia Terme Salvatore De Biase.

“Il consiglio regionale – aggiunge – apra una seria riflessione in Aula sulla proposta di legge regionale che riguarda l’integrazione dell’azienda ospedaliera “Pugliese Ciaccio” e del Policlinico universitario “Mater Domini” di Catanzaro, inserita all’ordine del giorno del Consiglio regionale in programma lunedì 11 marzo, che dovrebbe  comprendere anche l’ospedale “Giovanni Paolo II” di Lamezia Terme. Bisogna dare risposte chiare ed esaustive a tutta la popolazione. Che cosa si vuole fare dell’ospedale di Lamezia?”.

“Il consiglio regionale – aggiunge – apra una seria riflessione in Aula sulla proposta di legge regionale che riguarda l’integrazione dell’azienda ospedaliera “Pugliese Ciaccio” e del Policlinico universitario “Mater Domini” di Catanzaro, inserita all’ordine del giorno del Consiglio regionale in programma lunedì 11 marzo, che dovrebbe  comprendere anche l’ospedale “Giovanni Paolo II” di Lamezia Terme. Bisogna dare risposte chiare ed esaustive a tutta la popolazione. Che cosa si vuole fare dell’ospedale di Lamezia?”.

“Quando ci fu l’accorpamento dell’azienda sanitaria di Lamezia con quella di Catanzaro – ricorda il presidente De Biase – qualcuno parlò dei vantaggi che sarebbero scaturiti da tale operazione. A distanza di anni nessuno a Lamezia si è accorto di questi vantaggi, anzi i cittadini hanno assistito ad un depauperamento e ad una progressiva spoliazione dell’ospedale lametino. Non vorremmo che la storia si ripetesse con la paventata costituzione dell’azienda unica”.

“L’ospedale di Lamezia Terme, dotato di validissimi e qualificati professionisti che operano instancabilmente a causa dell’atavica carenza d’organico, necessita di un potenziamento delle sue funzioni, che vengano banditi nuovi concorsi per nominare i primari che oggi mancano e di essere dotato di infrastrutture adeguate a consentire un’agevole e produttivo lavoro agli operatori sanitari. Alcuni reparti che hanno fatto la storia della sanità non solo lametina, ma anche calabrese, non possono essere penalizzati e viverre in uno stato di perenne incertezza. Perché ridimensionare reparti come la TIN, tanto per citare un esempio, vera e propria eccellenza della sanità calabrese? A chi ha giovato questa operazione scriteriata e irresponsabile? E sono tanti altri gli esempi di reparti qualificati che hanno subito decisioni dissennate. Occorrono risposte autorevoli e serie da parte delle istituzioni preposte. La sanità lametina deve essere rilanciata e potenziata. Una classe politica attenta agli interessi della collettività non avrebbe alcuna remora a far assumere all’ospedale di Lamezia Terme la connotazione di ‘hub’ al pari degli altri ospedali situati nel capoluogo di regione”. “Per tali ragioni – conclude De Biase – mi propongo di convocare un consiglio comunale aperto al quale prenda finalmente parte anche il presidente della Regione Mario Oliverio”.

redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L’associazione catanzarese Cam Gaia: “A fianco delle vittime… non siete sole. Abbiamo mezzi e strumenti per tutelarvi” 
L'uomo si è reso protagonista di numerosi atti vandalici e anche di una serie di aggressioni nei confronti di alcuni cittadini
A bordo del veicolo tre ragazzi, uno dei quali minorenni. Feriti i due poliziotti che hanno intimato l'alt al conducente
Un velista spagnolo disperso e due diportisti soccorsi da Guardia Costiera a Roccella Ionica e Crotone
Era stato rilasciato dal carcere di Vibo con l'obbligo di dimora ma aveva fatto perdere le proprie tracce
Si tratta dell'indagine della Procura di Vibo sui rifiuti smaltiti illecitamente nei terreni agricoli. Undici gli indagati
Il suo movimento “Sud chiama Nord” accanto al candidato a sindaco di Centro Francesco Muzzopappa
La Corte di assise di Catanzaro spiega, nel motivare la sentenza, le ragioni dell'esclusione dei futili motivi e della premeditazione
Entrambi erano finiti a processo dopo una denuncia presentata dalla minoranza nel 2020. Il Tribunale di Vibo: "Il fatto non sussiste"
Superficie di 10mila metri quadrati modificata in maniera permanente tramite terrazzamenti alti più di 20 metri
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved