Calabria7

Decreto Calabria, interrogazione di Wanda Ferro: “Nessun impatto positivo sulla sanità”

decreto immigrazione

“Un anno e mezzo di ‘Decreto Calabria’ non ha avuto alcun impatto positivo sulla sanità regionale”. È quanto afferma il deputato di Fratelli d’Italia, Wanda Ferro, annunciando un’interrogazione a risposta orale in aula al ministro della Salute Speranza.  “La voragine del debito sanitario – continua – ha continuato ad aggravarsi, e sono addirittura peggiorati i livelli di assistenza. Così uno strumento straordinario che avrebbe dovuto consentire di migliorare il sistema sanitario calabrese lo ha reso ancora più vulnerabile agli effetti della grave emergenza che ci troviamo ad affrontare. Si è trattato di un vero e proprio fallimento, per questo siamo sconcertati di fronte all’ipotesi che il governo pensi ad un intervento per prolungare la durata del commissariamento, addirittura prevedendo maggiori poteri commissariali rispetto a quelli previsti dello stesso ‘Decreto Calabria’. Si punta infatti a mettere il Dipartimento regionale e l’intero sistema sanitario sotto il controllo esclusivo dei commissari. L’obiettivo evidente del governo nazionale è quello di mantenere le mani sul settore sanitario calabrese, e non certo quello di realizzare un sistema efficiente e capace di rispondere ai bisogni di salute dei cittadini”.

“La sanità calabrese – spiega ancora Wanda Ferro – ha bisogno della responsabilità  delle scelte, per questo è necessario che il settore sia governato da chi è stato investito di questo compito da parte dei cittadini. Il governo vuole invece impedire che la Regione proceda alla nomina dei nuovi commissari delle aziende sanitarie e ospedaliere dopo aver completato le procedure di selezione come previsto dallo stesso decreto.  Diciamo basta quindi al commissariamento, ricordando che la stessa Corte costituzionale, a seguito del ricorso da parte della regione, ha sottolineato come la temporaneità degli interventi previsti fosse elemento imprescindibile della costituzionalità del decreto”.

Auspico che il governo non proceda su una strada che si è rivelata già disastrosa per la Calabria – conclude – e concentri il proprio impegno nel supportare la Calabria nel contrasto dell’emergenza coronavirus, considerata la necessità di rendere operative le Usca, potenziare i laboratori di diagnostica, rafforzare i reparti covid e le strutture di terapia intensiva, con strumenti e dotazione di personale, garantendo la piena operatività dei reparti non-covid per il trattamento in sicurezza delle altre patologie, organizzare la ricettività per l’isolamento fiduciario”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Infiltrazioni mafiose nel Vibonese, sindaco San Calogero incandidabile

Andrea Marino

Sanità, stop al “superticket” sulle ricette

Mirko

Europee, Pd scende in piazza a Catanzaro per illustrare proposte

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content