Calabria7

Decreto Calabria, un “esercito” di commissari per risanare la sanità regionale

A quello straordinario se ne potrebbe affiancare un altro definito “di liquidazione”, incaricato di gestire la mole passiva delle aziende. Top secret, per ora, l’ammontare del compenso

Luana Costa

Potrebbe facilmente degenerare verso la proliferazione di commissari, il decreto approvato dal Consiglio dei Ministri in riva allo stretto e sottoscritto dal Presidente della Repubblica Sergio Matarella, che ha definitivamente posto la pietra tombale sulla gestione regionale della sanità in Calabria. L’entrata in vigore della “misura emergenziale” che ha avuto come primo effetto quello di fare piazza pulita dei manager nominati nella contestatissima seduta di Giunta dello scorso gennaio, potrebbe però produrre ulteriori, oltre che “salate”, conseguenze.

Se sull’entità degli emolumenti da accordare ai nuovi commissari di nomina governativa non ha mancato di esprimere la propria opinione il governatore, Mario Oliverio, giudicando eccessivamente onerose le retribuzioni dei manager che saranno chiamati a gestire le aziende sanitarie e ospedaliere regionali, nulla si è ancora detto della non remota possibilità che questi costi possano ancora subire lievitazioni per effetto della nomina di altri commissari che affiancheranno i primi nella gestione straordinaria delle aziende afflitte da mostruosi buchi in bilancio.

Oltre ai 123mila euro che di norma i direttori generali ricevono per lo svolgimento delle proprie funzioni, il decreto Calabria ha, infatti, stabilito un versamento extra del valore di 50mila euro per i nuovi commissari a cui si potrebbe anche aggiungere un rimborso spese non superiore a 20mila euro nel caso in cui i professionisti siano assoldati da fuori regione. Ad una gravosa responsabilità, quella di rimettere ordine nei disastrati conti delle aziende del servizio sanitario, corrisponde insomma un altrettanto “gravosa” dazione che esubera di gran lunga le retribuzioni che finora i direttori generali hanno ricevuto pur dovendo far fronte alle medesime responsabilità.

Ma l’entità degli esborsi potrebbe facilmente aumentare. È nello snello articolato della normativa che si annida questa ulteriore possibilità e precisamente all’articolo 5, dove vengono perimetrate le competenze nella gestione del “dissesto finanziario degli enti del servizio sanitario regionale”. Se il commissario straordinario, nella fase di verifica, dovesse rinvenire gravi e reiterate irregolarità nella gestione dei bilanci sarebbe autorizzato, d’accordo con la struttura commissariale, a “disporre la gestione  straordinaria dell’ente, alla quale sono imputate, con bilancio separato rispetto a quello della gestione ordinaria, tutte le entrate di  competenza e tutte le obbligazioni assunte fino al 31 dicembre 2018”. Ovviamente, di questa ulteriore “gestione straordinaria” sarebbe incaricato un nuovo commissario – definito “di liquidazione” – e scelto per aver accumulato “idonea esperienza nel campo finanziario e contabile fra  gli iscritti nel registro dei revisori contabili, nell’albo dei dottori commercialisti e nell’albo dei ragionieri”.

In questo caso l’entità della retribuzione resta però un’incognita. Il governo si è, infatti, riservato di fissare con un successivo decreto l’importo del compenso del commissario straordinario di liquidazione “il cui onere è posto – si legge nel provvedimento – a carico della massa passiva dell’ente per il quale sia stata disposta la gestione straordinaria”. Non è difficile ipotizzare – considerando l’entità dei disavanzi accumulati – che tutte le aziende sanitarie e ospedaliere calabresi potrebbe essere sottoposte a gestione straordinaria e governate non più da uno ma da una coppia di commissari portando così a raddoppiare il numero degli incarichi da conferire e, con questi, anche i relativi compensi.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Catanzaro-Monopoli: le probabili formazioni

Matteo Brancati

Volley, Soverato in trasferta domenica a Pinerolo

Matteo Brancati

Paola e Daniela, nuovo percorso con Città del Vento

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content