“Decreto sanità: atto incostituzionale, solo ulteriori danni per i calabresi”

Enza Bruno Bossio

“Il ministro della Salute gioca con la sanità calabrese, annunciando decreti speciali che da una parte potrebbero presentare profili di incostituzionalità e, dall’altra, non hanno alcuna efficacia per ridurre i costi ed elevare l’efficienza del sistema sanitario calabrese. La sanità calabrese è da oltre dieci anni commissariata, senza che dalla gestione straordinaria abbia tratto alcun giovamento” si legge in una nota Enza Bruno, Bossio Deputata Pd.

 “Semmai – continua – la Calabria assiste per via del commissariamento a un abbassamento dei livelli quantitativi e qualitativi delle prestazioni e un aumento di tasse e costi di funzionamento. Ecco perché, insieme al collega De Filippo, abbiamo presentato una interrogazione ai ministri alla Salute, all’Economia e agli Affari regionali affinché si possano accendere nelle sedi parlamentari i riflettori su una vicenda oscura e dai risvolti assai preoccupanti. Sono dieci anni che ai calabresi è negato il diritto alla salute mentre è imposto loro pagare le tasse più alte d’Italia. Ma al peggio non c’è mai fine: invece di lavorare per il superamento del commissariamento e, magari, provvedere al risarcimento del danno, Il ministro, oggi, propone di intensificare la cura attraverso misure di rafforzamento dei poteri commissariali. Si andrebbe, in sostanza, non a rimuovere le ragioni che hanno reso, in questo decennio, strutturale la crisi del sistema sanitario regionale ma a potenziare i termini del fallimento della gestione commissariale. Tutto ciò avviene in forma incostituzionale. Insomma, volere insistere e perseverare in uno sperimentato fallimento che oltretutto impone un ulteriore prelievo fiscale dalle tasche dei calabresi, è come far svolgere a danno dei calabresi una vera e propria vicenda fraudolenta. Chiediamo, pertanto,  – conclude – di evitare che il governo approvi atti abnormi e ai limiti della legalità e che, anche sulla sanità calabrese, ogni decisione venga assunta previa intesa nella conferenza Stato – Regioni”.

 “Semmai – continua – la Calabria assiste per via del commissariamento a un abbassamento dei livelli quantitativi e qualitativi delle prestazioni e un aumento di tasse e costi di funzionamento. Ecco perché, insieme al collega De Filippo, abbiamo presentato una interrogazione ai ministri alla Salute, all’Economia e agli Affari regionali affinché si possano accendere nelle sedi parlamentari i riflettori su una vicenda oscura e dai risvolti assai preoccupanti. Sono dieci anni che ai calabresi è negato il diritto alla salute mentre è imposto loro pagare le tasse più alte d’Italia. Ma al peggio non c’è mai fine: invece di lavorare per il superamento del commissariamento e, magari, provvedere al risarcimento del danno, Il ministro, oggi, propone di intensificare la cura attraverso misure di rafforzamento dei poteri commissariali. Si andrebbe, in sostanza, non a rimuovere le ragioni che hanno reso, in questo decennio, strutturale la crisi del sistema sanitario regionale ma a potenziare i termini del fallimento della gestione commissariale. Tutto ciò avviene in forma incostituzionale. Insomma, volere insistere e perseverare in uno sperimentato fallimento che oltretutto impone un ulteriore prelievo fiscale dalle tasche dei calabresi, è come far svolgere a danno dei calabresi una vera e propria vicenda fraudolenta. Chiediamo, pertanto,  – conclude – di evitare che il governo approvi atti abnormi e ai limiti della legalità e che, anche sulla sanità calabrese, ogni decisione venga assunta previa intesa nella conferenza Stato – Regioni”.

redazione Calabria 7 

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Al De Simone amaranto in vantaggio e raggiunti prima dell'intervallo. Poi l'espulsione di Mungo complica i piani e nel finale arriva il kappaò
Sarà ancora una volta tutto esaurito lo stadio Ceravolo. La gara d'andata della semifinale sarà diretta dal genovese Matteo Marcenaro
Sarebbero volate parole grosse per futili motivi e qualche spinta, ma nulla che potesse far pensare a un tragico epilogo
La notizia è stata annunciata all'Italian Pavilion di Cannes dal direttore Casadonte. Ricco il parterre del Magna Graecia Film Festival 2024
La Meloni ha definito l'Europa un "continente stanco, sottomesso e coccolato che ha pensato di poter scambiare la libertà con la comodità"
La pistola è stata sequestrata dai carabinieri e sottoposta ai controlli del caso e l’uomo è stato portato in carcere
Serie B
Giallorossi a un passo dall'eliminazione ma al 7' di recupero del secondo tempo regolamentare Donnarumma trova il due a due e regala la semifinale con la Cremonese
La mobilità sostenibile è un tema che tocca molto da vicino le piccole imprese, in cui l’artigianato ha un ruolo predominante
I raggi ultravioletti incidono nelle strutture cellulari della pelle. Tra aprile e ottobre bisognerebbe applicare la protezione solare
L'intervento dei carabinieri della Stazione di Vibo Marina è stato immediato. Il gip ha convalidato l'arresto e disposto i domiciliari
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved