Calabria7

Degrado nel parcheggio del Politeama, progetto fermo in Regione (VIDEO)

di Maria Teresa Improta – Guano, preservativi, vecchi fascicoli sparsi per terra e rifiuti di ogni genere. Il parcheggio multipiano del Teatro Politeama versa oggi in condizioni di particolare degrado. Gli oltre 200 stalli automatizzati gestiti dalla Catanzaro Servizi SpA, società a totale partecipazione del Comune di Catanzaro, non funzionano dal 2012. La gara d’appalto indetta anni fa per affidare la struttura, nonostante la redditività annua stimata di circa 400mila euro, è andata deserta. L’ascensore che consentiva di salire in centro si è rotto da tempo immemore creando notevoli disagi per i cittadini con difficoltà motorie. Eppure esiste un progetto che ne prevede il restyling che giace nei cassetti della Cittadella regionale. Il presidente del Consiglio comunale di Catanzaro Marco Polimeni rassicura che nei prossimi giorni interverrà per interdire l’accesso al pubblico, provvedendo a delimitare la zona. “La gente non potrebbe andare lì – spiega Polimeni – essendo di fatto in disuso. Sentirò ora l’ufficio Gestione del territorio per mettere in sicurezza, ripulire l’area e far capire i cittadini che sarebbe opportuno non entrare”.

Metropolitana di superficie

“Il progetto per l’ammodernamento del parcheggio multipiano – chiarisce Marco Polimeni –  è ancora fermo. Siamo però convinti che la questione sia di veloce risoluzione, anche se non dipende da noi. Abbiamo siglato nell’ultimo anno di mandato dell’ex governatore della Regione Calabria Mario Oliverio un Accordo di Programma Quadro dove il Comune di Catanzaro ha presentato delle proposte per far partire un sistema integrato tra trasporti pubblici e parcheggi. Il punto focale di questa progettazione è la metropolitana di superficie cui realizzazione sta procedendo a ritmi sostenuti. Si tratta di una nuova linea che sarà incisa nel territorio catanzarese e collegherà Germaneto a Catanzaro. Vi saranno tre punti di fermata nel quartiere direzionale: il primo nei pressi della stazione di Germaneto che tornerà ad essere un luogo di snodo vitale tra metro e rete ferroviaria; il secondo alla Cittadella Regionale e il terzo al policlinico universitario. Si tratta di zone attrattive che potranno far sì che linea venga utilizzata con frequenza grazie alle numerose presenze che quotidianamente popolano quei luoghi. Ovviamente si calcherà il vecchio tracciato della Calabro Lucana, collegando tutta la città da Nord a Sud, da Catanzaro Lido al centro città, prendendo alcune delle vecchie fermate già esistenti e insediandone di nuove. Accanto a ogni fermata della metropolitana ci sarà un parcheggio a supporto”.

Nuovi parcheggi e ristrutturazione

“Questa azione dovrà integrarsi con la rete dei bus gestiti da Amc e comprendere tutta una serie di parcheggi (tra i quali il multipiano del Politeama) che sono stati già promossi dall’amministrazione comunale e inseriti nell’Accordo di Programma Quadro. A differenza della metropolitana di superficie dove sono già stati appaltati i lavori e molto presto – afferma il Presidente del Consiglio comunael di Catanzaro – il percorso sarà concluso, per i parcheggi la Regione Calabria non ha ancora erogato le somme. Appena questi 40 milioni di euro saranno sbloccati (140 milioni di euro è il totale delle somme investite per il sistema di trasporto pubblico integrato) anche il parcheggio del Politeama verrà ristrutturato. L’ascensore farà parte del progetto così come il restyling del parcheggio di Bellavista, del parcheggio di via Milano (dove saranno ospitati non più i bus, ma le auto) e Catanzaro Sala (dove prima c’era la stazione ferroviaria potrebbe diventare un hub per i bus con una fermata della metro). Sarà sicuramente necessaria la sostituzione dell’ascensore, purtroppo in molti non lo sanno, ma la ditta che se ne occupava fallì e fu impossibile proseguire nella sua gestione. Catanzaro, soprattutto il centro storico, ha bisogno di posti auto. Dobbiamo lavorarci e speriamo di ottenere questo risultato pressando sulla Regione Calabria affinché eroghi quanto finanziato”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Multopoli, assoluzione Abramo spazza via ogni dubbio

manfredi

Spaccio casalingo, due arresti nel Catanzarese

Giovanni Bevacqua

Miglierina, lo sprar “Terre Sorelle” ha ospitato il maestro Villa

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content