Depurazione a Cirò Marina, il potenziamento dell’impianto non è più un miraggio

L'opera è stata finanziata per la cifra di 7 mln euro. Il subcommissario Daffinà: "Siamo fiduciosi che il percorso avviato produca i risultati attesi"

Passi in avanti significativi si registrano su un progetto di fondamentale importanza ma che, nel tempo, ha vissuto non pochi momenti di difficoltà ma che il sub-commissario alla depurazione Antonino Daffinà ed il suo staff tecnico sono pronti a rilanciare. Si tratta della rifunzionalizzazione e del potenziamento dell’impianto di depurazione di Cirò Marina, da realizzare in territorio a vocazione altamente turistica.
Al confronto, estremamente propositivo, con l’amministrazione, avvenuto negli Uffici del Commissario presso la Cittadella Regionale, ha preso parte il sindaco della comunità Sergio Ferrari. Al suo fianco il consigliere delegato all’Ambiente, Andrea Mistretta, il responsabile del settore Lavori pubblici dell’Ente Giuseppe Marinello, il progettista dell’intervento, ing. Maida ed ovviamente il RUP Antonio Stranges.

Un’opera finanziata in un primo momento per la cifra di 7.074.000 euro, con una storia alle proprie spalle, tutt’altro che trascurabile. Con il subentro del Commissario come soggetto attuatore dell’intervento, giusto DPCM del 30 settembre 2022 pubblicato in Gazzetta ufficiale il successivo 14 dicembre, e la nomina dell’ing. Antonio Stranges come nuovo RUP, si sta procedendo al perfezionamento della chiusura della Conferenza dei servizi e all’approvazione del progetto definitivo per poter, nel più breve tempo possibile, approvare il progetto esecutivo e cantierare l’opera. Il sub commissario Antonino Daffinà, peraltro, ha accolto di buon grado le richieste dell’Amministrazione Comunale sulle opere di mitigazione e di modifica parziale dello schema di funzionamento dell’impianto che consentiranno un impatto odorigeno, acustico e visivo molto ridotto dell’intera opera, per come sottolineato dal progettista, ing. Maida, nell’illustrare la fattibilità delle modifiche avanzate durante l’incontro.

“Stiamo valutando con attenzione ogni passaggio da compiere, in vista dell’esecuzione dell’opera –ha tenuto a puntualizzare il sub commissario –nella consapevolezza di dover tutelare la principale risorsa del territorio che è quella ambientale-paesaggistica, senza trascurare le esigenze di una località balneare ad alto impatto turistico. Siamo fiduciosi che il percorso avviato possa produrre presto i risultati che dovranno arrivare nella certezza di aver rispettato ogni vincolo”. Soddisfatto, ovviamente, il sindaco di Cirò Marina, Sergio Ferrari: “Esprimo grande soddisfazione per la vicinanza al territorio del sub commissario. Il miglioramento sul piano tecnico ed ambientale del depuratore rappresenta una priorità ineludibile e le soluzioni proposte sono state ottime. Andiamo avanti, dunque, con determinazione e sinergia, seguendo da vicino il progetto nei tempi previsti, con l’auspicio possa essere messa in campo entro il mese di giugno dell’anno in corso la gara per il nuovo depuratore, in una città bandiera blu per 24 anni consecutivi”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Nel corso dell'incontro sarà presentato il dossier elaborato dai circoli locali di Legambiente basato sulla campagna di monitoraggio effettuata su alcune aste fluviali
Messa in sicurezza l’area, è stato chiuso al traffico il tratto interessato dal rogo per il tempo necessario alle operazioni di spegnimento
Il governatore: "La nostra terra ha vitigni eccellenti e tante piccole cantine"
Ordinato sacerdote nel 1936 fu membro per sedici anni della Compagnia di Gesù, insegnando filosofia e teologia
Sul posto il personale medico del 118 ed i carabinieri per i rilievi del caso, assieme a squadre dell'Anas
Le osservazioni in vista della conferenza di impatto ambientale
L'aspirante primo cittadino parla anche delle "condizioni disagevoli per l’erogazione delle prestazioni" e del "sovraccarico di lavoro"
Il più grande festival della regione, dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, sarà inaugurato lunedì 15 aprile
Intanto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, è in contatto con i prefetti delle città italiane
L'uomo non ha saputo specificare la provenienza del denaro che per gli investigatori sarebbe frutto di illeciti
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved