Calabria7

Detenuto si cuce labbra e palpebre per protesta

carcere rossano

Un detenuto del carcere si è cucito labbra e palpebre dopo avere cominciato lo sciopero della fame il 2 novembre per protestare contro il decreto di espulsione che diventerà esecutivo ad aprile 2020, non appena espiata la pena.

La vicenda nella galera di Montacuto (AN). Ha anche ingoiato due pile ‘stilo’. Si tratta di un tunisino di 34 anni, recluso per spaccio di droga e ormai arrivato a fine pena. Ieri è stato portato al pronto soccorso dell’ospedale di Torrette espellere le due pile e poi è stato riportato in carcere. Il giorno prima si era cucito labbra e palpebre con un kit in dotazione nell’istituto di pena. Ha rifiutato l’intervento dei medici per far tagliare i fili da cucito e intende continuare la sua protesta e lo sciopero della fame. Le sue condizioni sono ancora buone.

Se peggiorerà verrà riportato in ospedale per le cure. Intanto ha fatto ricorso conto il decreto di espulsione che gli è stato notificato il 20 ottobre. Non vuole tornare in Tunisia dove non avrebbe più parenti e nemmeno una casa.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Coronavirus meno letale in Italia, ma attenzione al Sud

Damiana Riverso

Coronavirus, mamma positiva organizza festa per figlio: una nonna si contagia e muore

Mirko

Decreto ristori, c’è anche il pacchetto giustizia: indagini da remoto e deposito atti via pec

bruno mirante
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content