Devastazione Pineta di Siano, il candidato sindaco Donato: “Ferita da sanare”

Secondo l'aspirante primo cittadino "non basterà piantare nuovi alberi al posto di quelli distrutti dal fuoco"
valerio donato

“La devastazione della pineta di Siano è la prima ‘ferita’ che la nuova amministrazione dovrà sanare, anche in termini simbolici. Sarà uno dei primi passi della rinascita. Ma non basterà piantare nuovi alberi al posto di quelli distrutti dal fuoco, operazione certamente indispensabile, ma non risolutiva”. È quanto afferma, in una nota, il candidato a sindaco Valerio Donato.

“Bisogna fare di più”

“Bisogna fare di più”

“Sarà un’operazione molto più complicata e difficile – rileva Donato -. Bisognerà fare di più, trasformando questo enorme ‘tesoro verde’ di cui dispone la Città in un grande Parco Naturale, al cui interno dovranno svilupparsi un Parco del Benessere, tale da favorire l’attività fisica e la socializzazione, e altre strutture leggere finalizzate al tempo libero, al turismo ecologico, alla didattica. Il tutto – aggiunge Donato – dotato di un sistema antincendio che eviti il ripetersi della tragedia dello scorso agosto. Una visione dinamica del verde pubblico che si rende ancora più necessaria dopo la pandemia che ha purtroppo devastato gli stili di vita dei cittadini”.

La ‘ricetta’ di Donato

Il candidato a sindaco prosegue: “Non si dovrà intervenire a caso, senza una bussola. Dovremo dare spazio agli esperti, ai progettisti del verde, ai botanici, ai tecnici di Calabria Verde e del Corpo Forestale dello Stato, confrontandoci con altre esperienze esistenti in Italia e in Europa. La ricostruzione dell’ambiente naturale della Pineta di Siano è un’operazione talmente delicata che non possiamo permetterci di commettere errori”. E ancora: “Ci sarà purtroppo un problema di risorse che, per un progetto così ambizioso, non potranno che essere cospicue. Parliamo di svariati milioni di euro che dovremo avere la capacità di rastrellare dall’UE, dallo Stato, dalla Regione, utilizzando canali finanziari dedicati nel PNRR e nelle linee-guida del Ministero per la Transizione Ecologica”.

Gli impegni del candidato sindaco

“Se i cittadini di Catanzaro mi onoreranno della loro fiducia – conclude Valerio Donato – , conto di mettere in piedi, in tempi ragionevoli, una ‘squadra’ tecnico-politica che si occupi di questa pesante emergenza ambientale e, più in generale, dello stato di tutte le aree di verde pubblico piccole e grandi di cui dispone la città, a cominciare dalla Pineta Mediterranea di Giovino. Senza dimenticare l’indispensabile azione di recupero dell’antica Villa Margherita, un giardino pubblico di enorme valore storico e paesaggistico che presenta forme di degrado e praticamente non viene più utilizzato dai cittadini. Sarà una sfida sicuramente difficile, cosparsa di ostacoli di ogni genere, ma che non ci spaventa perché rappresenterà un importante tassello della rinascita della nostra Catanzaro”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Il membro Udc chiede la restituzione del medaglione sacro sottratto dalla chiesa di Bovalino. “Ogni reato deve essere considerato grave”
Il governatore ha partecipato alla Conferenza dei delegati calabresi al congresso del partito svoltasi a Lamezia Terme
L'iniziativa è partita dalla Casa del Popolo Thomas Sankara e ha visto l'adesione di diverse realtà e associazioni cittadine
La struttura, funzionante da 30 anni, custodisce 90 mila volumi e gestisce oltre 2 milioni di schede bibliografiche on line
Già in passato si erano verificati episodi simili ai danni dell’imprenditrice. Coldiretti Calabria: "Un vile atto e un gesto inqualificabile" 
Per l’8 Marzo la città ospita il cartellone "Il senso delle donne”, sostenuto dal Comune in collaborazione con le associazioni del territorio
Il gruppo provinciale per l’Ordine e la sicurezza pubblica si è riunito con la presenza della sottosegretaria all’Interno Wanda Ferro, tra altri
Le segreterie nazionali: “Riduzione preoccupante delle attività. La situazione sta degenerando in tutti i territori interessati, inclusa la Calabria”
Il caso
Dopo la vergognosa guerriglia post-derby le due Questure facciano subito luce su quanto accaduto. Ancora si attendono i Daspo dell’andata
A Lamezia Terme, il segretario generale del sindacato ha partecipato insieme a Roberto Occhiuto a un'iniziativa sullo sviluppo del Mezzogiorno
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved