Calabria7

Di Lorenzo punisce un Crotone coraggioso: al “Maradona” vince il Napoli 4-3

napoli crotone

di Antonio Battaglia – A testa altissima, dopo una prova di grande cuore e determinazione nella seconda frazione. Il Crotone subisce la ventiduesima sconfitta in campionato contro il Napoli e complica seriamente le proprie speranze di salvezza. 4-3 il risultato finale di un match poco entusiasmante ed equilibrato fino all’ultimo minuto, deciso dalla superiore qualità dell’organico biancazzurro a fronte dell’ottima prova corale degli Squali bravi a recuperare lo svantaggio di due reti nella seconda frazione. L’ennesimo ko stagionale rende sempre più complicata la salvezza per la squadra di Cosmi, che rimane ultima e distanziata di 8 punti dal Torino quartultimo in classifica.

Primo tempo

Il Napoli comincia col consueto giropalla per aprire la squadra avversaria, che rimane con tutti gli effettivi dietro la linea del pallone, e al 4’ si rende pericoloso con un tiro da fuori di Bakayoko che termina di un soffio a lato. I campani fanno un gran possesso palla e provano a scardinare la difesa dei rossoblù, che faticano a recuperare. Al 14’ brivido per il Crotone con una conclusione al volo di Mertens che termina di poco alto sopra la traversa, mentre tre minuti dopo Insigne prova una conclusione defilata che termina sull’esterno della rete.

Al 19’ la svolta del match: cross basso di Di Lorenzo per Insigne che conclude di potenza, una deviazione di Djidji manda il pallone sul primo palo dove Cordaz non può arrivare. Sull’onda dell’entusiasmo, gli azzurri continuano a pressare e dopo tre minuti raddoppiano le marcature: assist di Insigne per Osimhen, che a due passi dalla porta insacca con facilità. Gli Squali provano a buttarsi in avanti e riaprono la gara al 25’ con la rete di Simy, che sfrutta il buon cross di Benali e batte mere sul secondo palo. Il Napoli torna a controllare subito la partita, ma il Crotone è sempre pericoloso in azioni di contropiede. Al 34’, Mertens cala il tris con un calcio di punizione perfetto su cui Cordaz non può nulla. Nel finale si registra un miracolo di Cordaz su Osimhen, sul successivo tap-in Mertens colpisce in pieno il montante della porta.

Secondo tempo

In avvio di ripresa Cosmi ora per gli ingressi di Pereira e Vulic e al minuto 48 Messias si rende pericoloso con una conclusione che termina di poco alta complice la deviazione di Bakayoko. L’avvio degli Squali è propositivo e pochi istanti dopo Simy realizza la personale doppietta: sugli sviluppi dell’angolo, Messias di testa ripropone per Simy, bravo a tenere la posizione su Manolas e a battere Meret a tu per tu. Il Napoli reagisce e tra il 55′ e il 57′ sfiora la rete con Di Lorenzo e Insigne dimostrando di aver ripreso il possesso dei ritmi di gioco, ma Crotone è molto più in partita e al 59′ agguanta clamorosamente il pari con un diagonale di Messias.

Gattuso intuisce il momento delicato e opta per gli ingressi di Lozano ed Elmas. Il Napoli ricomincia lentamente a costruire trame di gioco nella metà campo avversaria e, dopo una buona occasione per Osimhen, ritorna in vantaggio con Di Lorenzo, bravo a entrare in area e lasciar partire un sinistro che si infila sul palo lontano. Il Crotone non demorde e prova a spingere alla ricerca del nuovo pari, ma il Napoli non concede varchi e nel finale va invece vicino al quinto gol con Insigne e Lozano.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Locali da ballo, Rotundo primo presidente SILB Calabria centrale

nico de luca

Regionali: Chi rispetta i patti, vince…Cosenza la spunta nel derby. Gli Occhiuto e altri “gongolano”

Danilo Colacino

Coronavirus in Calabria, la mappa dei ricoveri: +9 rispetto a ieri

Mimmo Famularo
Click to Hide Advanced Floating Content