Calabria7

Diabetologi, differenza tra Regioni per le cure innovative

diabete

L’accesso a farmaci e device innovativi per la cura del diabete è ancora a macchia di leopardo sul territorio nazionale. A 100 anni dalla scoperta dell’insulina, ancora molti farmaci e tecnologie restano fuori dalla portata di tante persone che ne avrebbero bisogno. Il Servizio Sanitario Nazionale garantisce la fornitura di molti farmaci e device a titolo gratuito. Ma non tutti e, soprattutto, non a tutti nello stesso modo, per le differenze regionali. Ad evidenziarlo, in occasione della Giornata Mondiale del Diabete del 14 Novembre, sono la Società Italiana di Diabetologia e l’Associazione Medici Diabetologi. Differenze di cure che rappresentano quest’anno uno dei temi cruciali della Giornata, con lo slogan “L’accesso alle cure per il diabete: se non ora quando?”.

“L’accesso alle cure – afferma Agostino Consoli, presidente Sid – deve essere garantito a tutti i cittadini con diabete, in maniera quanto più possibile uniforme su tutto il territorio nazionale. Questo vuol dire che non è accettabile che vi siano venti e più servizi sanitari diversi in Italia, uno per ogni Regione”. La missione 6 Salute del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, si propone di affrontare tutti gli aspetti critici del Ssn, a cominciare dal grande capitolo della cronicità. A questo proposito, sottolinea Consoli, “non dobbiamo farci confinare nelle previste Case della Salute, ma dobbiamo creare anche sul territorio delle forti unità di diabetologia che possono lavorare in rete e interagire con le Case di Comunità”.

Team diabetologico

“Non eravamo preparati alle conseguenze della pandemia da Covid – sottolinea inoltre Graziano Di Cianni, presidente Amd -. Ma nel prossimo futuro, anche grazie alle risorse stanziate dal Pnrr, sarà possibile intervenire concretamente per ridisegnare la diabetologia nel post-Covid, sulla base di alcuni principi fondamentali: prossimità, innovazione, digitalizzazione, ricerca, competenze professionali e sostenibilità”. Anche secondo Angelo Avogaro, presidente eletto Sid, l’auspicio è che in tutte le Regioni il cittadino diabetico possa essere seguito da un team diabetologico formato da specialisti e possa ricevere un counseling adeguato.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Sanità, De Palma: “Accordo Stato-Regioni per rafforzamento assistenza domiciliare”

Mirko

Zuccatelli a Calabria 7: “Sui contagi la responsabilità è della Rsa” (VIDEO)

Antonio Battaglia

Dramma sanità in Calabria, Ugl: “Fate presto servono cure per i malati”

Maria Teresa Improta
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content