Dipinto di Klimt ritrovato a Vienna dopo un secolo: vale 54 milioni di dollari

A riferirlo la Bbc. Il ritratto di Fraulien Lieser andrà all'asta, ma prima sarà presentato nel Regno Unito, Svizzera, Germania e Hong Kong

A Vienna è stato ritrovato un dipinto dell’artista austriaco Gustav Klimt, ritenuto perduto da circa 100 anni.  Lo riferisce la BBC.  Il ritratto di Fraulein Lieserapparteneva una volta ad una famiglia ebrea in Austria e fu visto in pubblico l’ultima volta nel 1925 in vista di una mostra realizzata nel 1926 da Otto Kallir-Nirenstein nella Neue Galerie di Vienna.  Il suo destino non è chiaro, ma la famiglia degli attuali proprietari possiede il dipinto dagli anni ’60. 

La casa d’aste im Kinsky stima il valore del dipinto in oltre 54 milioni di dollari (42 milioni di sterline) ed ha definito la riscoperta “sensazionale”. «Un dipinto di tale rarità, di tale portata artistica e valore non era disponibile sul mercato dell’arte in Europa centrale da decenni», ha affermato im Kinsky in una nota. Il ritratto verrà messo all’asta il 24 aprile per conto dei proprietari e degli eredi legali della famiglia Lieser. Ciò si basa sui Principi di Washington, un accordo internazionale per restituire le opere d’arte saccheggiate dai nazisti ai discendenti delle persone a cui erano state sottratte. Prima dell’asta, il dipinto sarà presentato in varie località internazionali tra cui Regno Unito, Svizzera, Germania e Hong Kong, ha affermato la casa d’aste. Il ritratto apparteneva una volta alla famiglia Lieser, ricchi industriali ebrei di Vienna. Un avvocato d’arte ha detto ai media austriaci che finora non hanno trovato prove che l’opera sia stata saccheggiata o rubata prima o durante la Seconda Guerra Mondiale. In passato l’arte di Klimt ha raggiunto ingenti somme alle aste. 

La casa d’aste im Kinsky stima il valore del dipinto in oltre 54 milioni di dollari (42 milioni di sterline) ed ha definito la riscoperta “sensazionale”. «Un dipinto di tale rarità, di tale portata artistica e valore non era disponibile sul mercato dell’arte in Europa centrale da decenni», ha affermato im Kinsky in una nota. Il ritratto verrà messo all’asta il 24 aprile per conto dei proprietari e degli eredi legali della famiglia Lieser. Ciò si basa sui Principi di Washington, un accordo internazionale per restituire le opere d’arte saccheggiate dai nazisti ai discendenti delle persone a cui erano state sottratte. Prima dell’asta, il dipinto sarà presentato in varie località internazionali tra cui Regno Unito, Svizzera, Germania e Hong Kong, ha affermato la casa d’aste. Il ritratto apparteneva una volta alla famiglia Lieser, ricchi industriali ebrei di Vienna. Un avvocato d’arte ha detto ai media austriaci che finora non hanno trovato prove che l’opera sia stata saccheggiata o rubata prima o durante la Seconda Guerra Mondiale. In passato l’arte di Klimt ha raggiunto ingenti somme alle aste. 

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
La classifica della Fondazione Gazzetta Amministrativa dei costi sostenuti nel 2022 da Regioni e capoluoghi di Provincia
Ha riportato la rottura del setto nasale. Alla base dell'aggressione ci sarebbero dei futili motivi
Al momento dell'incendio, nell'abitazione c'era il solo proprietario che non ha riportato alcun danno
La giovane, seguita nel percorso dalla professoressa Marinzia Cordiano, ha brillantemente superato le due fasi
Una scelta che ha ricevuto anche il plauso della famiglia Morricone attraverso una lettera firmata da uno dei figli del maestro
I Vigili del Fuoco lo hanno estratto dalle lamiere insieme ad un altro giovane di venti anni che viaggiava con lui
Alessandro Besentini e Francesco Villa si sono distinti per la capacità di intrattenere gli spettatori con alcuni sketches conosciuti in forma ridotta nei loro programmi tv
La Perla del Tirreno si converte alle vacanze di lusso. Lo scorso anno si sono registrate 500mila presenze e, solo dalla tassa di soggiorno, il Comune ha incassato un milione e 150 mila euro
Fine settimana contrassegnato dall'anticiclone africano soprattutto nelle regioni meridionali
"Difendiamo il prodotto italiano" è lo slogan della mobilitazione degli agricoltori
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved