Calabria7

Disastro Corap: de Magistris denuncia in Calabria debiti, mancato sviluppo e maladepurazione

Luigi de Magistris, candidato presidente alla Regione Calabria con una coalizione civica indipendente denuncia le anomalie dello sviluppo, del mercato del lavoro e depurazione calabrese. “In una regione senza grandi industrie e con grande precarietà lavorativa come la Calabria, – dichiara de Magistris – si vanno a chiudere definitivamente anche quegli enti strumentali che servono a gestire le rispettive aree industriali di tutte le province. Dopo anni di diatribe, pochi giorni fa, nel più assoluto riserbo, la giunta regionale ha approvato la delibera n. 411/2021 che dispone la liquidazione coatta amministrativa del Corap, il Consorzio regionale per le attività produttive, costituito con la legge regionale 24/2013 con cui si è tentato di accorpare i 5 diversi consorzi provinciali, ex Asi (agenzie per lo sviluppo industriale) ma che, in realtà ha generato solo caos e debiti di decine di milioni di euro”.

Circa 100 futuri disoccupati

“È una diatriba che va avanti da tempo. Già a marzo 2021 la Corte costituzionale – spiega l’ex pm calabrese Luigi de Magistris candidato governatore – aveva bocciato il precedente provvedimento, risalente a novembre 2019, perché la Regione Calabria non poteva sostituire il governo disponendo la liquidazione amministrativa coatta per il Corap. La Giunta regionale, però, in barba al pronunciamento dei giudici costituzionali, nel dicembre 2019 aveva proceduto lo stesso in tal senso, e si era anche nominato il commissario liquidatore, Ferdinando Caldiero e stabilito la prosecuzione dell’attività del consorzio per altri dodici mesi. Per non farsi mancare nulla, risulta che in passato era stata aperta anche una sede a Marrakech, sotto il commissariamento dell’avvocato Ferdinando Caldiero, costata 110 milioni di euro, per il “progetto Marocco”, mentre i bilanci dell’ente erano in passivo di oltre 90 milioni di euro. Adesso, però, il Corap pare stia per chiudere con i suoi 96 dipendenti per i quali il destino lavorativo è del tutto incerto. Si spera che saranno liquidati loro tutti gli stipendi arretrati, ma non si sa ancora se e dove saranno ricollocati. Un grave danno per il presente e il futuro sviluppo industriale di una terra povera di lavoro e di grandi aziende”.

Corap e depurazione

“Il consorzio, infatti, per conto della Regione Calabria, – ricorda il candidato presidente della Regione Calabria Luigi de Magistris – ha gestito pezzi importanti come tutta l’area di Gioia Tauro, che si sviluppa su Tre comuni, insieme a Rosarno e San Ferdinando e poi quella di Campo Calabro, Villa san Giovanni e Reggio Calabria. Pertanto è da qui che dovrebbe necessariamente passare per legge il rilancio, o, forse, sarebbe più corretto dire il lancio industriale, economico e produttivo dell’intera regione. Inoltre il Corap è proprietario e dovrebbe controllare direttamente le maggiori piattaforme depurative della regione che, però, sono date quasi tutte in gestione ai privati che le utilizzano senza alcun beneficio per il pubblico e a danno dello stesso ente che vanta crediti non indifferenti dagli attuali gestori. Oltre a essere molto vicino e solidale con tutti i dipendenti il cui presente lavorativo è del tutto a rischio, esprimo tutta la mia preoccupazione per questa vicenda, grave e complessa. Se chiude anche il Corap, vuol dire che in questa terra c’è chi, come da ultimo l’emergenza politica sociale Nino Spirlì, vuol solo conseguire il fallimento di tutte le speranze di lavoro e di una economia industriale sana e pulita”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

‘Ndrangheta, luce sull’omicidio Vona: fatto fuori per non essersi piegato al clan

Mimmo Famularo

Discariche e inquinamento marino, operazione della Guardia Costiera in Calabria

Damiana Riverso

Mostri di cemento in Calabria, abbattuti solo un decimo degli stabili da demolire

Maria Teresa Improta
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content