Calabria7

Distrutte 100 piante di ulivo a Francavilla Marittima, Cufari: “A fianco degli imprenditori”

“Il selvaggio gesto di distruggere oltre 100 piante di ulivo ad un’azienda agricola di Francavilla Marittima, guidata dal collega Giuseppe Franco, è riprovevole e disgustoso”. Esordisce così Francesco Cufari, presidente della federazione dei dottori Agronomi e dottori Forestali della Calabria – “Non solo per il modus operandi, cioè tagliare le giovani piante sotto il punto d’innesto, così da doverle reinnestare tutte nuovamente, ma per la ferocia verso quello che è un patrimonio di tutti. Poiché gli ulivi e con essi l’olio che ne viene prodotto sono un vero e proprio bene sociale per la nostra terra. Il disprezzo della Natura è la dimostrazione che chi compie questi atti ha un solo interesse: se stesso; ed è incapace di condividere il territorio e di viverlo appieno assieme alla propria comunità.”

Coraggio di denunciare

“Siamo al fianco anche oggi, come sempre, di Giuseppe e di tutti quegli imprenditori agricoli che subiscono atti tanto vili, difficili da definire meramente vandalici, bensì più consoni a barbari senza coscienza. – Conclude così, Francesco Cufari – La Calabria ha bisogno di coraggio nel denunciare e, al contempo, di maggiore rispetto e tutela da parte di tutti noi del nostro ambiente e del nostro patrimonio. Dovremmo indignarci tutti quando un’azienda subisce atti simili e presentarci il giorno dopo con zappa e piante per farla ripartire e cancellare un così brutto segno.”

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Corigliano-Rossano, proseguono incontri per contrastare il randagismo

Matteo Brancati

Guccione: “Anas, Cda chiude l’Ufficio A2 a Cosenza”

manfredi

La denuncia di Wanda Ferro: “Altra aggressione ai danni di due poliziotti in servizio a Lamezia”

Alessandro De Padova
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content