Dodicenne apre fuoco in una scuola in Finlandia: morto un coetaneo, altri due feriti

È stato arrestato il responsabile in un istituto di Vantaa, vicino Helsinki. La polizia ha invitato i residenti della zona a rimanere in casa

Un bambino di 12 anni è morto e altri due minorenni sono rimasti gravemente feriti in una sparatoria avvenuta in una scuola in Finlandia. Lo ha riferito la polizia, aggiungendo che è stato arrestato un altro bambino, anche lui di 12 anni. La sparatoria, secondo quanto riferito alla stampa dai genitori di alcuni alunni, è avvenuta in un’aula di una scuola a Vantaa, a nord della capitale Helsinki. La polizia ha invitato i residenti della zona a rimanere in casa. L’autore del gesto era scappato dopo la sparatoria, ma è stato arrestato sull’altra sponda di un fiume che bagna Vantaa, la quarta città più grande della Finlandia, circa 240.000 abitanti. Il bambino aveva ancora l’arma usata. Il primo ministro, Petteri Orpo ha parlato di avvenimento “sconvolgente”.

La scuola Viertola a Vantaa, la quarta citta’ piu’ grande della Finlandia, ha circa 800 alunni e 90 dipendenti. La frequentano ragazzini tra i sette e i quindici anni. “Tutte le persone coinvolte nella sparatoria sono minorenni”, ha confermato la polizia. I genitori degli alunni hanno raccontato che la sparatoria è avvenuta in un’aula. Un testimone ha riferito al giornale Iltalehti che gli spari sono riecheggiati anche nel cortile della scuola: “All’inizio non capivo che fosse un’arma. Poi si è sentito un urlo terribile e i bambini hanno attraversato di corsa il cortile”. La polizia ha aggiunto che il ragazzino autore degli spari in un primo tempo è scappato ma è stato fermato poco dopo in “modo tranquillo” sull’altra sponda del fiume. Iltalehti ha pubblicato un video girato da un’auto di passaggio che mostra due agenti di polizia che bloccano un adolescente sul ciglio di una strada in una zona residenziale. Per ore la polizia ha tenuto tutti lontano dalla scuola, invitando le persone a restare in casa.

Il premier: “Profondamente scioccato”

Intorno a mezzogiorno ora locale, ha fatto entrare i genitori che aspettavano fuori dalla scuola per recuperare i figli. Il premier Petteri Orpo si è detto “profondamente scioccato”. La giornata è cominciata in modo “scioccante”, ha dichiarato il ministro dell’Interno, Mari Rantanen, in un post su X. “Posso solo immaginare il dolore e la preoccupazione che molte famiglie stanno vivendo in questo momento”. La polizia non ha fornito dettagli sulle condizioni dei feriti, ma ha preannunciato una conferenza stampa nel pomeriggio.

La Finlandia è stata teatro di due raccapriccianti sparatorie nelle scuole nei primi anni 2000: nel novembre 2007, un ragazzo di 18 anni aprì il fuoco in una scuola secondaria di Jokela, a circa 50 chilometri a nord di Helsinki, uccidendo il preside e l’infermiera insieme a sei alunni, prima di suicidarsi. L’anno successivo, nel settembre 2008, ci fu una sparatoria in una scuola professionale a Kauhajoki, compiuta dal 22enne Matti Juhani Saari, che causo’ 11 vittime. Da allora, centinaia di scuole hanno ricevuto minacce di sparatorie, come documentato da un articolo pubblicato sul Journal of Scandinavian Studies in Criminology and Crime Prevention: l’articolo indicava i problemi di salute mentale come la ragione principale del fenomeno. (AGI)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Nel corso dell'incontro sarà presentato il dossier elaborato dai circoli locali di Legambiente basato sulla campagna di monitoraggio effettuata su alcune aste fluviali
Messa in sicurezza l’area, è stato chiuso al traffico il tratto interessato dal rogo per il tempo necessario alle operazioni di spegnimento
Il governatore: "La nostra terra ha vitigni eccellenti e tante piccole cantine"
Ordinato sacerdote nel 1936 fu membro per sedici anni della Compagnia di Gesù, insegnando filosofia e teologia
Sul posto il personale medico del 118 ed i carabinieri per i rilievi del caso, assieme a squadre dell'Anas
Le osservazioni in vista della conferenza di impatto ambientale
L'aspirante primo cittadino parla anche delle "condizioni disagevoli per l’erogazione delle prestazioni" e del "sovraccarico di lavoro"
Il più grande festival della regione, dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, sarà inaugurato lunedì 15 aprile
Intanto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, è in contatto con i prefetti delle città italiane
L'uomo non ha saputo specificare la provenienza del denaro che per gli investigatori sarebbe frutto di illeciti
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved