Donna morta e parenti non avvisati a Cosenza, l’ospedale si scusa con la famiglia

Coronavirus in Calabria

“In relazione all’episodio accaduto nei giorni scorsi non possiamo che riconoscere l’errore e chiedere scusa alla famiglia che è stata involontariamente vittima di due eventi dolorosi: la perdita della propria congiunta e la mancata comunicazione, da parte di chi aveva in cura la signora e ha omesso di informare i congiunti del triste epilogo”. Lo dice il direttore del dipartimento emergenza urgenza dell’ospedale dell’Annunziata di Cosenza, Pino Pasqua. Il riferimento è a un episodio avvenuto nei giorni scorsi a Cosenza.

La vicenda

La vicenda

Un’anziana donna, ospite di una casa di riposo di Dipignano, era stata portata al pronto soccorso dell’Annunziata dai familiari, dopo che aveva avuto un malore, ma era poi morta, dopo qualche ora, senza che nessuno si fosse preoccupato di avvisare del decesso. I familiari avevano continuato a telefonare, senza risposta, al nosocomio, nell’impossibilità di poter visitare la donna a causa dei protocolli di sicurezza anticovid. Non avevano avuto risposta che due giorni dopo, trovando la congiunta riposta in una cella frigorifera dell’obitorio. I figli, sconcertati, hanno sporto una denuncia per quanto accaduto. Adesso arrivano le scuse ufficiali da parte dell’ospedale cosentino. “La gestione della comunicazione ai parenti dei pazienti, che l’emergenza pandemica ci ha costretti a delegare ai sanitari – dice ancora Pasqua – indubbiamente ha evidenziato molte lacune ed insufficienze, soprattutto in un reparto nevralgico e ad elevata intensità di cura come il pronto soccorso e in generale tutta l’Emergenza Urgenza. Al fine di evitare che episodi dolorosi come questo possano riaccadere, siamo pronti, in accordo con la Direzione Strategia, a rivedere il processo di comunicazione e mettere a punto, grazie alle nuove tecnologie, un’informativa ai parenti costante e automatica”.

“Siamo anche consapevoli – ha concluso Pino Pasqua – in perfetta sinergia con il Commissario Straordinario che, dopo la chiusura obbligata del nostro ospedale, sia il tempo di riattivare i percorsi di umanizzazione, nella sicurezza che l’emergenza pandemica impone”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Il professore ha ottenuto 64 preferenze su 72 voti validi. Resterà alla guida del DISPeS fino al 31 ottobre 2025
storie
Il cognome sembra francese ma egli era italianissimo, meglio: calabresissimo. E' infatti nato a Mongiana
Nell'ordinanza vergata dal gip distrettuale i ruoli del capo, dei partecipi e degli uomini di fiducia all'interno dell'associazione
L'invito per esercitare il diritto di voto reagendo alla tentazione della rassegnazione e dell'astensionismo"
Sul posto anche i Carabinieri forestali e volontari della zona. Non si avevano notizie dalla sera dello scorso 15 maggio
Alla conferenza stampa ha partecipato il sottosegretario al Lavoro e politiche sociali ed esponente leghista Claudio Durigon 
La Questura, oltre ai consueti servizi di ordine e sicurezza pubblica, ha predisposto specifiche attività di prevenzione
Il sindacato di Polizia auspica anche risarcimenti economici per i danni causati agli agenti e ai mezzi dello Stato
La cerimonia di consegna dell'importante benemerenza, da parte del Sindaco Franz Caruso, venerdì 24 maggio a Palazzo dei Bruzi
Si è anche proceduto agli ulteriori adempimenti previsti dall’iter, a cominciare dal collaudo delle strutture
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved