Donna trovata morta in casa a Mapello: arrestato il cugino

giovane ucciso reggio

I carabinieri di Bergamo hanno arrestato il presunto assassino di Stefania Rota, la donna di 62 anni trovata senza vita nella sua casa di Mapello il 21 aprile. Si tratta del cugino di secondo grado della vittima, oltre che suo vicino di casa. L’uomo, Ivan Perico, 61 anni, è stato raggiunto da un ordine di carcerazione, emesso dal gip su richiesta del sostituto procuratore Letizia Ruggeri. Inizialmente si era ipotizzato che la donna fosse stata colpita da un malore, ma i successivi accertamenti hanno fatto emergere anomalie che hanno portato alla pista dell’omicidio.

Celle telefoniche e Gps hanno portato gli inquirenti al cugino

Celle telefoniche e Gps hanno portato gli inquirenti al cugino

 Dietro l’arresto dell’uomo ci sono le celle telefoniche e il Gps dell’auto della vittima. Poche ore dopo il rinvenimento del cadavere, i carabinieri di Bergamo, coordinati dalla Procura, hanno individuato l’auto della donna, una Ford Fiesta di colore blu, parcheggiata in strada a poche centinaia di metri dalla sua abitazione.

La morte della donna collocata all’11 febbraio

 E’ stato il tracciato Gps dell’antifurto satellitare a fornire ulteriori elementi di interesse agli inquirenti. Nonostante la morte della donna sia stata collocata alla data dell’11 febbraio, l’auto di Stefania Rota ha continuato ad essere utilizzata anche nei giorni, nelle settimane e nei mesi successivi ed è stata “recuperata” dai militari soltanto il 4 maggio. 

Ignoto il movente

 Sono quindi stati ricostruiti anche i continui contatti telefonici tra la vittima e il presunto omicida fino al giorno del decesso. I due erano uniti dalla passione per le escursioni in montagna. Da quella data il cellulare della vittima viene definitivamente spento, ma il tracciato Gps dell’auto è perfettamente sovrapponibile alle celle telefoniche agganciate dal cellulare dal cugino mentre utilizza la macchina di Stefania Rota, nei mesi successivi alla morte. Ancora ignoto il movente. 

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
La Cgia di Mestre denuncia il fenomeno della crescente presenza nel settore di installatori, sprovvisti dell'adeguata formazione obbligatoria
Gli imputati dovranno pagare anche una provvisionale di 50 mila euro per i genitori e 10 mila euro per il fratello
Le piattaforme procurano volontà di passare sempre più tempo online, astinenza quando si è offline e fallimento nel controllo del tempo
“In questo anno e mezzo di governo, traspare il solito odio rosso senza vergogna. Una vera e propria escalation di insulti ai danni della presidente”
Vittima e aggressore sono già stati indagati nell'Operazione Tritone. Dietro il tentato omicidio l'ombra della mafia nel settore degli autospurghi
Gli amministratori comunali si sono confrontati con i partner del progetto "La Città della Cultura". Il sindaco: “Vogliamo essere pronti"
“L’idea del Governo di realizzare nella zona di Alli di Catanzaro un CPR si pone in modo netto contro le aspirazioni di crescita della città”
La candidatura del presidente della Regione era stata anticipata. "Ho deciso di dare una mano al ministro", aveva detto
La donna ha anche aggredito un’impiegata che ha cercato di fermarla. I danni complessivi sono stati di circa 1.500 euro
Il deceduto è di nazionalità georgiana ed è stato trovato vicino ai bagni pubblici. Gli inquirenti hanno disposto l’autopsia
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved