Calabria7

Donne tutta un’altra storia, l’iniziativa di Carolina Caruso con Jole Santelli (SERVIZIO TV)

di Carmen Mirarchi

Donne tutta un’altra storia, questo il motto della campagna elettorale di Carolina Caruso a sostegno di Jole Santelli.

La candidata al prossimo Consiglio regionale nella lista centro Jole Santelli ha organizzato un incontro nella sua sede a Lamezia Terme con la candidata del centro destra. Un incontro che non è stato un comizio elettorale perché in questa occasione è stata data l’opportunità a diverse associazioni di portare a conoscenza della Santelli le loro difficoltà. Hanno iniziato i tirocinanti amministrativi con contratto in scadenza il prossimo 31 gennaio. Successivamente Raffaella Rinaldis di “Fimmina tv” ha parlato della casa delle donne, organismo paritario trasversale. “Lavoriamo non per le quote rosa ma per una governance territoriale dove si dia spazio alle donne”.

La richiesta è stata quella di un sistema di welfare strutturato per far sì che la donna possa contribuire al reddito familiare.

A Jole Santelli è stato poi presentato il lavoro della “Fondazione Rambaldi” e suoi progetti “da sogno per la Calabria”. Il Presidente dell’ordine psicologi della Calabria è poi intervento per parlare della necessità di uno psicologo nei pronto soccorso calabresi e della figura dello psicologo di famiglia. A concludere la Presidente Fish Nunzia Coppede’ che ha proposto un documento “che è un elenco di esigenze che hanno già copertura economica. “Si tratta di fare scelte politiche. Chiedo la ratifica della convenzione internazionale sui diritti dei disabili che hanno diritto ad un supporto adeguato. Bisogna dire stop ai viaggi della speranza e no ai disabili considerati cloni. Vogliano una vita inclusiva e vogliamo un cambio di rotta. Siamo 35 associazioni e chiediamo una riforma del welfare con servizi adeguati” ha concluso la Coppede’.

Jole Santelli si è complimentata con Carolina Caruso ed ha sottolineato come si possa notare la differenza tra chi fa politica da tempo e chi non ha esperienza.

La candidata del centrodestra a Governatore ha risposto brevemente alle varie richieste sottolineando di non avere la bacchetta magica e di non promettere nulla. “Credo nella Calabria che sogna perché credo nella Calabria con le ali. Fondamentale è mettere al centro la persona. Alla Coppede’ dico che prendo ciò che di buono è stato fatto e riparto da quello. Dobbiamo strutturare una politica di welfare che esca dall’emergenza” ha detto la Santelli. Carolina Caruso ha invece sottolineato la necessità di una donna come la deputata calabrese alla guida della Regione ed ha precisato il suo interesse per il mondo delle donne e dei disabili le cui istaze sono state ampiamente messe in evidenza in un incontro che la Caruso i ritenuto doveroso. “No alle quote rosa a si alla doppia preferenza di genere per la quale mi batterò in Consiglio regionale” ha concluso la Caruso.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Merante e Triffiletti : “Tallini svende Catanzaro”

Carmen Mirarchi

Legge regionale taglio vitalizi, Giudiceandrea: “Troppo clamore in senso negativo”

Matteo Brancati

Incendio in villaggio turistico, Granato (M5S): “Tutelare amministratore”

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content