Calabria7

Dottoressa calabrese si schianta contro un muro dopo 12 ore in Pronto Soccorso

infermiere locri

Poteva essere fatale il colpo di sonno che l’ha colpita mentre tornava a casa, alle 8 di ieri mattina, dopo 12 ore di lavoro ininterrotto al Pronto Soccorso di Locri, per la dottoressa Palma Romeo. La donna, infatti, con la sua auto è andata a sbattere contro un muro. Fortunatamente, la sua vita non è in pericolo. Ha riportato solo alcune escoriazioni, ematomi e contusioni. I codici rossi e gialli necessitano di almeno due medici a turno, vien facile capire che servono sei medici al giorno e, invece, i soli nove presenti non riescono neppure a coprire due giorni.

Dodici ore di lavoro al Pronto Soccorso di Locri

Ecco che si vedono turni sovrumani di dodici e anche di più ore mentre l’utenza servita è di circa 131.985 abitanti suddivisi nei 42 comuni che compongono la Locride. A questi cittadini bisogna aggiungere adesso anche i tanti turisti. Si parla di circa 35 mila accessi al mese. Di certo -come scrive il Quotidiano del Sud – solo nella notte tra domenica e lunedì, prima dell’incidente, la dottoressa Romeo del pronto soccorso di Locri ha avuto 30 nuovi accessi più i pazienti che erano già ricoverati al pronto soccorso prima dell’inizio del suo turno.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Coronavirus, presidente Santelli chiude Melito Porto Salvo

Matteo Brancati

Migranti, nuovo sbarco nel crotonese

Giovanni Caglioti

Rapina ad Amantea nel 2012, autore rintracciato e arrestato a Firenze

Mimmo Famularo
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content