Calabria7

Drive-in di protesta alla Cittadella, “Sana Calabria”: ” Vogliamo Strada commissario”

Il comitato SanaCalabria ringrazia quanti, nel tardo pomeriggio del 14 novembre 2020, hanno partecipato al drive-in organizzato nel parcheggio antistante la cittadella regionale, in località Germaneto di Catanzaro, per rivendicare il diritto dei calabresi alla salute attraverso una sanità accessibile, efficace, efficiente e libera da storture e interessi politici di parte.
“Si è trattato – si legge in una nota stampa a firma di Jasmine Cristallo, Barbara Rosanò, Antonio Pintimalli
e Carlo Troiano – di una manifestazione assai partecipata, pacifica, sentita e, soprattutto, svolta nell’assoluto rispetto delle norme di sicurezza imposte dai provvedimenti governativi e dal più elementare buon senso, considerata l’emergenza sanitaria che vive il Paese.”

Il comitato annuncia fin d’ora che “quella di Catanzaro è stata solo la prima di una serie di iniziative analoghe che, con le medesime finalità, si intende promuovere su tutto il territorio regionale per offrire ai cittadini una ulteriore tribuna attraverso cui far sentire la propria voce. A tal proposito, nel ribadire la denuncia di un sistema sanitario regionale gravemente compromesso dalla mala politica e dalla mala gestione commissariale, il comitato riafferma con forza la richiesta della nomina a commissario straordinario del dottor Gino Strada; la cui storia, autorevole sul piano professionale ed etico, anche in questa ore e oggetto di strategie denigratorie e strumentali, messe in atto a livello locale dalla destra ma anche di manovre politiche consumate a livello centrale, che appaiono del tutto incoerenti e dannose, rispetto al dovere ineludibile di dare alla Calabria e ai calabresi un sistema sanitario autenticamente degno di questo nome”.

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Coronavirus, positivo dipendente dell’ospedale di Cosenza

Giovanni Bevacqua

“A Catanzaro manca consapevolezza, ma è bellissima”

Matteo Brancati

Lancia molotov contro banca: fermato un disoccupato

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content