Calabria7

Droga e alcol, questi non più sconosciuti

di Antonia Opipari – La disinformazione oggi non esiste. Ma la troppa informazione genera cattiva informazione. E in questo marasma creato dal world wide web e dai suoi social con le news, le fake news, gli influencer etc. è necessario saper distinguere i dati veri da quelli falsi. I soggetti più esposti al bombardamento mediatico si sa, sono i più giovani e a loro bisogna insegnare a saper discernere il vero dal falso, soprattutto quando si parla di dipendenze come quelle da droga e alcool.

Marijuana, cocaina, hashish e superalcolici sono solo la punta di un iceberg che nasconde insidie ben più profonde e il cui impiego, sfortunatamente, è tanto più abbondante quanto minore è l’età di chi ne fa uso.

In piena epoca di liberalizzazione, poi, l’esigenza di far conoscere agli adolescenti i pericoli di un mondo subdolamente “affascinante” e accessibile, si fa sempre più forte; e l’Istituto Comprensivo di Sellia Marina (Cz) non poteva rimanere insensibile a questa necessità, è per questo ha organizzato due giorni di formazione per gli alunni della scuola secondaria di primo grado. Titolo del seminario: Uso e abuso di sostanze stupefacenti e alcoliche, tenutosi nella mattinata del 21 maggio scorso e oggi, presso l’Aula Magna di via Giardinello. La prima giornata è stata  destinata agli studenti delle seconde classi, oggi invece è toccato a quelli di terza; a spiegare loro i pericoli che si celano dietro uno spinello è stato il Comandante della Compagnia dei Carabinieri di Sellia Marina, il Capitano Alberico De Francesco.

«Mi sapete dire qual è la differenza tra droghe leggere e pesanti?» ha chiesto ai giovani auditori il graduato, non appena entrato in aula; qualche risposta azzardata c’è stata, ma nessuno ha indovinato: «Non esiste, le sostanze stupefacenti sono dannose tutte alla stessa maniera» ha chiarito il Capitano, il quale ha fatto capire a quali rischi va incontro, sotto il profilo legale e sociale, chi decide di usare o spacciare droghe e alcol.

Entrambe le giornate sono state presenziate, oltre che dai docenti, dal Dirigente scolastico Filomena Rita Folino, la quale ha accolto i ragazzi richiamandoli all’attenzione sul tema, specificando che «l’obiettivo di questi incontri è quello di suscitare nei ragazzi quella sana curiosità che li porti a conoscere, come in questo caso, i pericoli di certe dipendenze; e proprio il fatto che il Comandante abbia cominciato a spiegare partendo dai dubbi degli alunni ha fatto sì che essi diventassero coscienti di cosa è reale e cosa no in merito alle droghe, riflettendo sulle radici sociali di questo problema e su come si espande. Speriamo di aver gettato un semino di conoscenza in più per fare di questi ragazzi degli adulti consapevoli».

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Abramo: a Catanzaro il mercato immobiliare più dinamico a livello provinciale

manfredi

Restauro Vara a Palazzo Campanella, Irto: “Momento atteso 60 anni”

Mirko

Morte “sospetta” all’ospedale di Lamezia, assolti otto medici

Mimmo Famularo
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content