Calabria7

Duplice omicidio a Davoli, i periti valuteranno le condizioni di salute dell’imputato

Saranno nominati due periti per accertare la capacità di intendere e di volere di Giuseppe Gualtieri, condannato in primo grado, con rito abbreviato, all’ergastolo per il duplice omicidio dell’ex moglie Francesca Petrolini e il suo nuovo compagno Rocco Bava, delitto avvenuto in una tabaccheria del centro storico di Davoli nel Catanzarese. La Corte di assise di appello di Catanzaro, preseduta da Fabrizio Cosentino, ha accolto la richiesta dei difensori dell’imputati, gli avvocati Salvatore Staiano e Vincenzo Cicino, di riaprire l’istruttoria dibattimentale e il 12 aprile, giorno della prossima udienza, si procederà alla nomina di due periti.  E’ stato proprio Gualtieri, a confessare il fatto di sangue, ammettendo le sue responsabilità nel corso dell’interrogatorio di garanzia, spiegando di non avere accettato la nuova relazione sentimentale della donna, da cui Gualtieri si era separato legalmente da quasi un anno. Secondo la ricostruzione dei fatti, l’imputato accecato dalla gelosia, sarebbe entrato nella tabaccheria dell’ex moglie che in quel momento si trovava con il nuovo compagno, sparando diversi colpi di pistola all’indirizzo della coppia. La proprietaria dell’attività è morta sul colpo, mentre Bava poco dopo l’arrivo dei sanitari del 118. L’uomo, residente a Simbario in provincia di Vibo Valentia, pur ferito in varie parti del corpo, avrebbe tentato una fuga disperata ma è stato raggiunto dal killer all’esterno della tabaccheria. (g. p.)

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Ore sotto il sole ad aspettare il vaccino, ma il centro è chiuso per “un errore”

Maria Teresa Improta

Controlli anti-Covid a Lamezia, due sole multe nel week end della movida

Mimmo Famularo

Droga e armi, 25 arresti a Catania: clan rifornito anche dalla ‘ndrangheta

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content