Calabria7

Duplice omicidio nella Sibaritide, presunto killer resta dietro le sbarre

omicidio nel cosentino

Il Tribunale della Libertà ha sciolto la riserva e ha confermato la misura cautelare in carcere per Francesco Adduci il 56enne di Cassano allo Ionio arrestato il 15 novembre scorso, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Catanzaro nell’ambito delle indagini, tuttora in corso, sul duplice omicidio avvenuto il 4 aprile scorso ai danni di Maurizio Scorza, 57 anni, di Cassano, e di sua moglie, la trentottenne tunisina e Hanene Hedhli.

L’arresto del presunto killer

Adduci è stato arrestato, su richiesta della Dda di Catanzaro “sulla base della ritenuta sussistenza di gravi indizi di colpevolezza in ordine al delitto di concorso, con soggetti allo stato ignoti, in duplice omicidio con l’aggravante della premeditazione, nonché del metodo mafioso e dell’agevolazione mafiosa”. Per gli inquirenti il 56enne avrebbe attirato “con l’inganno Maurizio Scorza all’interno del proprio podere, ove poi quest’ultimo trovava ad attenderlo i propri sicari”.

LEGGI ANCHE | Duplice omicidio nel Cosentino, c’era anche un capretto accanto al corpo di una delle vittime

LEGGI ANCHE | La Dda di Catanzaro fa luce su un duplice omicidio in Calabria, un arresto

LEGGI ANCHE | Duplice omicidio nel Cosentino, l’ombra della ‘ndrangheta e le indagini passano alla Dda di Catanzaro

LEGGI ANCHE | Duplice omicidio nel Cosentino, l’uomo aveva già subito un attentato 

© Riproduzione riservata.
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content