E’ guerra al melanoma, creme solari gratis da dispenser in spiagge scuole e parchi

I raggi ultravioletti incidono nelle strutture cellulari della pelle. Tra aprile e ottobre bisognerebbe applicare la protezione solare
Meteo 25 aprile Calabria

Non sprecare la lezione della pandemia Covid. Così in Olanda lo scorso anno hanno deciso di trasformare i dispenser con l’igienizzante per le mani, usati durante l’emergenza sanitaria, in distributori gratuiti di creme solari per la prevenzione del melanoma. E dopo un anno queste macchine ormai si trovano nelle spiagge, nelle scuole e nei parchi. L’iniziativa è partita dall’ospedale di Venlo-Venray, vicino al confine tedesco, grazie alla società scientifica Kwf Dutch Cancer Society e a vari comuni. Oggi altre città come Hoorn(in foto i dispenser sulla spiaggia), vicino Amsterdam, hanno aderito e il progetto si sta diffondendo nel Paese. I dispenser possono anche essere ‘intelligenti’, segnalano il livello dei raggi Uv presenti in quel momento così l’utente è informato e può regolarsi sulla quantità di crema da usare.

L’Olanda è tra i Paesi europei con un’alta incidenza di melanomi: tra 41,8 e 50,3 nuove diagnosi ogni 100mila abitanti. L’Italia si attesta su 24,9-33,3 casi per 100mila abitanti (dati della Commissione europea). L’obiettivo è portare la prevenzione primaria più vicino possibile alle persone e nei posti dove l’esposizione al sole è più intensa, quindi il mare o le aree verdi. Allo stesso tempo si sensibilizzano i giovani all’uso delle creme solari come parte delle abitudini e degli stili di vita anti-melanoma.

L’Olanda è tra i Paesi europei con un’alta incidenza di melanomi: tra 41,8 e 50,3 nuove diagnosi ogni 100mila abitanti. L’Italia si attesta su 24,9-33,3 casi per 100mila abitanti (dati della Commissione europea). L’obiettivo è portare la prevenzione primaria più vicino possibile alle persone e nei posti dove l’esposizione al sole è più intensa, quindi il mare o le aree verdi. Allo stesso tempo si sensibilizzano i giovani all’uso delle creme solari come parte delle abitudini e degli stili di vita anti-melanoma.

Il governo olandese spera che attingere ai dispenser delle creme solari diventi una routine per tutta la popolazione. Sotto accusa, secondo le autorità sanitari olandesi, sono i raggi ultravioletti che incidono pericolosamente nelle strutture cellulari della pelle. “Quasi 1 olandese su 5 svilupperà un melanoma nel corso della propria vita. E la causa più comune sono le scottature solari”, ha spiegato Karen van Poppelen, dermatologa dell’ospedale di Venlo-Venray che ha lanciato l’iniziativa dei dispenser. “Un tempo le persone si ungevano d’olio e si sdraiavano in spiaggia – ricorda la dermatologa in un’intervista ai media olandesi – Oggi sono più consapevoli dei pericoli del sole, ma non è ancora sufficiente. Tra aprile e ottobre bisognerebbe tenere conto dell’indice UV e applicare la protezione solare”. (Adnkronos)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved